Domenica, 26 Settembre, 2021

Green pass, ok dal Governo: come ottenerlo

Via libera al "Green pass" italiano: ecco come averlo e come funziona
Cacciopini Corbiniano | 18 Giugno, 2021, 16:52

A partire dal 1° luglio 2021, il Green Pass italiano potrà essere richiesto per partecipare ad eventi pubblici, fiere, concerti, gare, feste in occasioni di cerimonie religiose o civili, per accedere a residenze sanitarie assistenziali o altre strutture, per spostarsi in entrata o in uscita, da territori classificati zona rossa o zona arancione. Quanto alla certificazione di avvenuta vaccinazione, questa dovrà riportare le seguenti informazioni: tipo di vaccino somministrato; denominazione del vaccino; produttore o titolare dell'autorizzazione all'immissione in commercio del vaccino; numero della dose effettuata e numero totale di dosi previste per l'intestatario del certificato; data dell'ultima somministrazione effettuata e Stato membro in cui è stata effettuata la vaccinazione.

Il regolamento finale, tuttavia, era atteso con un nuovo Dpcm, con le modalità tecniche di funzionamento, i dati inseriti nel certificato e le modalità tecniche di funzionamento della piattaforma nazionale Digital Green Certificate (DGC), dove saranno raccolti i dati dei richiedenti e dove scaricare i Green pass. La disponibilità della certificazione viene comunicata tramite email o sms (ai contatti indicati in fase di prestazione sanitaria: vaccinazione, test o guarigione) con un codice per scaricarla. Se il certificato e' valido, il verificatore vedra' soltanto un segno grafico sul proprio dispositivo mobile (semaforo verde) e i dati anagrafici: nome e cognome e data di nascita.

Le Certificazioni verdi COVID-19 associate a tutte le vaccinazioni effettuate a partire dal 27 dicembre 2020 verranno generate in automatico entro il 28 giugno. Inoltre anhe il medico e il farmacista, accedendo con le proprie credenziali al Sistema Tessera Sanitaria, potranno recuperare la Certificazione verde COVID-19. Sms ed email inizieranno ad arrivare a chi ha effettuato per primo le vaccinazioni e poi via via tutti quanti. Sarà disponibile per la visualizzazione su pc o smartphone, per la stampa o utilizzando la propria tessera sanitaria. In caso di vaccinazione: per la prima dose dei vaccini che ne richiedono due, la certificazione sarà generata dal 15° giorno dopo la somministrazione e avrà validità fino alla dose successiva. Nei casi di seconda dose o dose unica per pregressa infezione: la certificazione sarà generata entro un paio di giorni e avrà validità per 270 giorni (circa nove mesi) dalla data di somministrazione. Nei casi di vaccino monodose: la certificazione sarà generata dal 15° giorno dopo la somministrazione e avrà validità per 270 giorni (circa nove mesi). Nei casi di tampone negativo la certificazione sarà generata in poche ore e avrà validità per 48 ore dall'ora del prelievo.

Il governo Draghi ha firmato il Dpcm che ufficializza la Certificazione verde Covid-19 in Italia. La disponibilità della certificazione non sarà quindi immediata.

Altre Notizie