Domenica, 26 Settembre, 2021

Spari vicino a Roma, morti un uomo e due bambini

Spari ad Ardea: gravissimi due bambini di 3 e 8 anni, il nonno non ce l'ha fatta FOTO Spari in strada ad Ardea vicino Roma, colpiti 2 bimbi e un anziano
Evangelisti Maggiorino | 13 Giugno, 2021, 19:21

L'uomo, secondo le prime informazioni, si sarebbe suicidato. L'uccisione dell'anziano e dei due bambini ad Ardea rappresenta una tragedia che lascia sgomenti con lo strazio nel cuore. E' uno dei tanti appelli che attorno all'ora di pranzo rimbalzavano sui gruppi social di Colle Romito, "Rimanete a casa!". Le forze dell'ordine hanno circoscritto l'area e la tengono in sicurezza, sono stato sul posto fino a pochi minuti fa. Sul posto i carabinieri, operazioni tuttora in corso. A dirlo è un uomo che abita a 500 metri dalla villetta dell'omicidio di Colle Romito, ad Ardea.

A sparare alcuni colpi di pistola, infatti, sarebbe stato un uomo di 34 anni adesso barricato in una delle case del consorzio di Colle Romito. "Chi ha sparato è stato identificato, sembra sia una persona instabile che già aveva manifestato comportamenti ostili", ha detto Mario Savarese, il sindaco di Ardea, all'agenzia Agi.

Questo il commento del sindaco di Ardea, Mario Savarese, che ha rilasciato una dichiarazione ai microfoni di Ansa. Secondo quanto si apprende un soggetto ha sparato contro tre persone, un anziano e due bambini. Una tragedia dai contorni ancora oscuri, ma che, comunque, non potrà mai cancellare dalla propria memoria questa indicibile tragedia.

"Sono profondamente scosso per l'accaduto ed esprimo tutto il mio rammarico e le più sentite condoglianze ai familiari", queste le doverose parole dell'Assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato.

"Io sono finito ai domiciliari per un po' di droga e quell'assassino invece circolava libero, senza che nessuno lo controllasse".

Un testimone: "Ho visto i bimbi a terra pieni di sangue" - "Ho visto l'elicottero del 118 e con mio padre sono subito andato al parchetto per vedere cosa fosse successo".

I carabinieri avevano già individuato l'appartamento dove si trovava l'autore della strage. Una scena atroce. "Non ci sono i battiti, non sento i battiti!", avrebbe gridato ancora il giovane, mentre la suocera ha raccontato di aver trascorso la mattinata proprio il bimbo più grande che aveva dormito da lei.

Altre Notizie