Sabato, 23 Ottobre, 2021

AstraZeneca, Locatelli: "Dopo la seconda dose gli eventi avversi sono estremamente rari"

Leggi Anche					
		
		
						
		
			Camilla la passione per la pallavolo e la maturità Leggi Anche Camilla la passione per la pallavolo e la maturità"Era felice per il vaccino
Evangelisti Maggiorino | 12 Giugno, 2021, 06:37

Regione precisa che per i ragazzi dai 12 ai 17 anni viene già usato solo Pfizer, per chi ha tra i 18 e i 49 anni si usa Pfizer o Moderna, per i 50-59enni Pfizer, Moderna o Johnson & Johnson, per gli over 60 AstraZeneca o Johnson & Johnson, e per i fragili Pfizer o Moderna.

Lo comunica in una Nota la Dg Welfare della Regione Lombardia ricordando che prosegue con successo la vaccinazione dei lombardi, soprattutto dei giovani.

"Tutti i vaccini - conclude la Nota - sono validati da Ema ed Aifa e sono sicuri".

"Le indicazioni del Cts saranno tradotte dal governo in modo perentorio e non solo come raccomandazioni" ha spiegato il ministro della Salute Roberto Speranza.

Si tratta di una scelta fatta per minimizzare i rischi: chi ha meno di 60 anni e ha avuto la prima dose di AstraZeneca, farà il richiamo con un vaccino a mRna. Ormai da tempo gli under 60 ricevono preferibilmente i vaccini Pfizer o Moderna, ma non c'era una specifica esclusione. Tuttavia, considerata la disponibilità di piattaforme vaccinali alternative e rispettando il principio di massima cautela rispetto alla salute degli italiani, si è deciso di raccomandare la seconda dose solo per i soggetti oltre 60 anni di età. Un silenzio, quello del ministro, che pesa come un macigno.

I dati aggiornati sul contagio. Restiamo quindi sotto il livello di guardia di 50 casi ogni 100mila abitanti, che consente il tracciamento. "Un secondo momento di angoscia" che Fabrizio Pregliasco si augura "non infici la campagna vaccinale complessivamente". Durante l'evento, che si è tenuto nella sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio e alla quale hanno partecipato anche il Commissario straordinario Gen. Francesco Paolo Figliuolo, il Coordinatore del Cts, Prof. In base al trend, la prossima settimana, a partire dal 21 giugno, dovrebbero rientrare in zona bianca anche Basilicata, Calabria, Campania, Marche, Toscana e Provincia di Bolzano.

Altre Notizie