Giovedi, 17 Giugno, 2021

Australia, 52enne morta per trombosi: vaccinata con Astrazeneca

‘Stop ad AstraZeneca sulle donne giovani’, ma le Regioni (come il Lazio) vanno avanti con gli Open Day Corsa dei giovani verso i vaccini. Dubbi degli esperti sugli Open Day, appello degli scienziati
Deangelis Cassiopea | 10 Giugno, 2021, 23:23

"È sbagliatissimo proporre questi vaccini (AstraZeneca e J&J, ndr) ai giovani, specialmente alle donne".

In queste ore l'Asl sta contattando le 44 persone, tutti residenti a Napoli tra i 18 e 38 anni, per avvisarle di quanto accaduto: ovvero che sono stati vaccinati con AstraZeneca e non con Pfizer. "Ecco perché la Francia ha stabilito di limitare i due vaccini (Astrazeneca e Johnson & Johnson) a vettore virale agli over 65". "Tra l'altro i rari casi avversi che si sono osservati sono prevalentemente, se non nella totalità, avvenuti solo dopo la prima dose" ha concluso.

Prosegue la campagna vaccinale in Italia non senza qualche preoccupazione per il vaccino AstraZenca.

"La Direzione e tutto il personale del Policlinico si stringono attorno ai familiari, che abbiamo potuto apprezzare in questi tristi giorni per l'umanità e la disponibilità palesate nei confronti dei nostri professionisti", afferma il Policlinico San Martino in una nota. Decisione che ha lasciato spazio, come si poteva immaginare, a dubbi e pareri contrastanti. "Sono sempre stata convinta che non bisognerebbe darli a persone di età inferiore ai 55 anni", spiega Antonella Viola, immunologa, docente di patologia generale a Padova, direttore scientifico dell'istituto di ricerca pediatrica Città della Speranza, riferendosi agli Open day dei vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson. Le segnalazioni gravi corrispondono al 10,4% del totale, con un tasso di 21 eventi gravi ogni 100mila dosi somministrate, indipendentemente dal tipo di vaccino, dalla dose (prima o seconda) e dal possibile ruolo causale della vaccinazione. Dopo la morte della studentessa, la Procura di Genova ha cambiato il reato con cui era stato aperto il fascicolo sul suo caso, che è passato da "atti relativi", a "omicidio colposo a carico di ignoti". Non vige alcun divieto ma la raccomandazione è di somministrare il vaccino con attenzione all'anagrafica dei soggetti e anche al genere peraltro, dato che in molti casi sono state le donne a manifestare effetti particolarmente seri.

Altre Notizie