Domenica, 26 Settembre, 2021

E' morto Guglielmo Epifani, ex leader della Cgil e segretario del Pd

Gugliemo Epifani Gugliemo Epifani
Cacciopini Corbiniano | 07 Giugno, 2021, 23:34

Primo socialista a guidare la Cgil, si era laureato in Filosofia alla Sapienza di Roma con una tesi su Anna Kuliscioff. I due si sono conosciuti al liceo e non si sono più separati. Un amore quello per lo studio e per la ricerca che, negli anni, non lo ha mai lasciato e al quale aspirava anche a ritornare.

Epifani fu segretario generale della Cgil e, per un breve periodo, segretario del Partito democratico, per poi passare a Liberi e Uguali di cui era attualmente parlamentare. Entrò nella GCIL subito dopo l'università e lavorò presso l'Esi, la casa editrice del sindacato. Nel 1990 entra nella segreteria confederale. È quanto afferma il consigliere regionale del Pd, Nicola Irto, che aggiunge: "Da segretario generale della Cgil nazionale, ruolo ricoperto dal 2002 al 2010, seppe portare al centro dell'agenda politica nazionale i temi dell'occupazione e la necessità di ridare slancio al percorso riformatore e alle istanze delle categorie più deboli".

Prima iscritto al Partito Socialista Italiano (PSI), dopo Mani Pulite fu tra le prime tessere del neonato Partito Democratico della Sinistra.

Improvvisamente, è venuto a mancare Guglielmo Epifani. Il 3 novembre 2010 gli succede alla guida Susanna Camusso, prima donna segretaria della Cgil.

Anzi, al contrario. A Epifani si aprono le porte della politica. Una vita dedicata al sindacato. Il 7 maggio 2013 viene eletto presidente della Commissione Attività produttive, Commercio e Turismo della Camera. L'11 maggio 2013 è stato nominato, in seguito alle dimissioni di Pier Luigi Bersani, segretario del Partito Democratico fino alle elezione a leader dem di Matteo Renzi il 15 dicembre seguente.

Eletto in Parlamento nelle liste del Pd, era stato riconfermato a marzo 2018 con il simbolo di LeU.

Il 25 febbraio 2017 prende parte alla scissione dell'ala sinistra del Partito Democratico, aderendo ad Articolo 1 - Movimento Democratico e Progressista.

Altre Notizie