Domenica, 26 Settembre, 2021

Zona bianca da domani, ma non sarà un libera tutti

Zona gialla, da lunedì 7 giugno coprifuoco a mezzanotte Coronavirus, il coprifuoco slitta a mezzanotte. Abruzzo, Liguria, Veneto e Umbria in zona bianca
Deangelis Cassiopea | 07 Giugno, 2021, 12:27

CATANZARO Inizia il conto alla rovescia per il superamento del coprifuoco. Da domani il limite per il rientro a casa slitta a mezzanotte, ultima tappa prima del superamento completo della misura, fissato dall'ultimo dl riaperture al 21 giugno.

Da lunedì 7 giugno nelle regioni gialle il coprifuoco scatterà alla mezzanotte e non più alle 23, in attesa del 21 giugno quando verrà eliminato in tutta Italia. Nelle zone bianche, invece, non si applicano i limiti orari agli spostamenti.

Chi non dovrà più fare i conti con il coprifuoco serale sino alle 5 del mattino - come già accade in Molise, Friuli Venezia Giulia e Sardegna dal 31 maggio - da domani saranno quattro Regioni che passano da zona gialla e zona bianca. In sostanza quindi, proprio come anticipato dal presidente dell'Iss, mezza Italia si troverà nello scenario con minori restrizioni, e senza coprifuoco. Per loro il giorno della zona bianca (e dell'addio al coprifuoco) è il 14 giugno.

Da oggi raggiungeranno questo obiettivo anche il Veneto, la Liguria, l'Umbria e l'Abruzzo. Il 14 giugno, poi, sarà la volta di Lombardia, Lazio, Piemonte, Puglia, Emilia Romagna e Provincia di Trento; il 21 giugno toccherà a Sicilia, Marche, Toscana, Calabria, Campania e Provincia di Bolzano.

Un italiano su cinque (20%), quindi, in zona bianca, per un totale di 11,6 milioni di persone con il livello minimo di restrizioni. Per allora, salvo risalite repentine della curva epidemica per ora non all'orizzonte, tutta la Penisola sara' bianca. I locali potrebbero ripartire a luglio, ma è quasi certo che sarà necessario avere il green pass soprattutto alla luce dello sprint sulla campagna vaccinale per i giovani.

Altre Notizie