Domenica, 26 Settembre, 2021

Giugno, Mattarella depone corona all'Altare della Patria. Le immagini

Festa della Repubblica Mattarella e Draghi celebrano il 2 giugno Si apre una stagione di rilancio e rinascita 2 giugno festa della Repubblica
Esposti Saturniano | 02 Giugno, 2021, 22:11

Il voto per la Repubblica consentì all'Italia di intraprendere il percorso della democrazia, del progresso sociale, dello sviluppo. Per il secondo anno consecutivo, a causa del Covid, salta la tradizionale parata, ma si è comunque tenuta la cerimonia all'Altare della Patria con le massime autorità istituzionali: un 2 giugno nel segno dell'impegno per il rilancio e la rinascita del Paese, ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che nel suo discorso ha poi ripreso temi discussi anche nel corso dell'incontro coi Capitani Reggenti di San Marino. Un passaggio storico tanto atteso e fondamentale per tutti i cittadini duramente provati da una stagione di guerre e dalla dittatura.

La nascita della Repubblica Italiana, nel 1946, segnava anch'essa un nuovo inizio: la edificazione di una casa comune, basata sulla libera sottoscrizione di un patto di cittadinanza da parte dei cittadini e, per la prima volta, delle cittadine.

"Sulle macerie il popolo italiano, i popoli d'Europa, i popoli del mondo, si proposero di non ripetere gli errori del passato". Da allora il processo di crescita e consolidamento della democrazia non si è mai interrotto e ha superato altre terribili prove, come la sfida del terrorismo.

Nella Festa della Repubblica, il nostro commosso omaggio va a coloro che, ancora in molti, sono stati colpiti dal contagio e hanno perso la vita, con un carico di sofferenza che appartiene a tutta la collettività. Sappiate mantenere vivi quei valori continuando ad essere, in Italia e nei teatri operativi all'estero, un caposaldo di professionalità, concretezza e umanità ispirando il vostro agire a quegli stessi ideali che, dal Risorgimento alla Repubblica, hanno animato i nostri padri. "Quel nobile compromesso, che è alla base della nostra Repubblica, deve guidarci nella difficile fase che attraversiamo - è il richiamo del presidente della Camera - nella ricerca di concordia e coesione, abbandonando le logiche di parte senza per questo rinunciare alla tensione ideale delle proprie posizioni ma ricordando che davanti agli interessi individuali c'è sempre come unico obiettivo l'interesse generale".

"Il 2 giugno di quest'anno è diverso da quello dell'anno scorso. C'è una presenza di cittadini molto bella, simbolicamente credo sia la volontà degli italiani di riappropriarsi della loro vita, di riprendere le abitudini e riacquistare gli spazi di socialità con prudenza", ha aggiunto il ministro della Difesa Lorenzo Guerini parlando a RaiNews24, a margine delle celebrazioni per la Festa della Repubblica all'Altare della Patria.

Altre Notizie