Venerdì, 25 Giugno, 2021

Fdi: Meloni, 'mai invitata in scuola Messina, comunque non sarei andata'

Meloni Giorgia Meloni presenta la sua autobiografia a scuola: "Obbligatoria la partecipazione degli studenti ...
Evangelisti Maggiorino | 21 Mag, 2021, 22:55

"6463 del 21/05/2021 in cui la Fidapa informa l'Istituto di aver annullato l'evento in oggetto "Incontro con l'autore", previsto in data 25 maggio p.v.si comunica, pertanto, che in tale giornata si svolgerà regolare attività didattica, secondo il consueto orario di lezione". La domanda che alcuni degli allievi dell'istituto si fanno è quale "dritte" sull'orientamento post-formazione obbligatoria possa fornire un incontro senza contraddittorio con un parlamentare della Repubblica, seppur autorevole come la numero uno di Fratelli d'Italia. Chi non lo farà non avrà i crediti formativi previsti.

Circolare, in cui Giorgia Meloni viene indicata come "parlamentare e scrittrice", firmata dal dirigente scolastico Maria Rosaria Sgrò. All'incontro, afferma ancora la circolare, parteciperà anche la parlamentare Ella Bucalo, responsabile scuola di Fratelli d'Italia. La scorsa settimana, come dimenticarlo, il libro "Io sono Giorgia" era stato regalato agli studenti del liceo Amaldi, a Tor Bella Monaca, a pochi metri da quella libreria in cui la proprietaria si era rifiutata di vendere l'autobiografia della Meloni. La partecipazione degli studenti sarà conteggiata nel monte ore della famigerata alternanza scuola-lavoro. "È gravissimo". "Mio figlio, 17 anni, egiziano, musulmano, arrivato sulle costa siciliana con il barcone, in affido da 6 anni ad una famiglia non tradizionale (io e il mio compagno non siamo sposati), ha l'OBBLIGO da parte della scuola superiore cittadina, che frequenta con ottimi risultati, di partecipare alla presentazione del libro della signora Meloni, pena assenza da giustificare", denuncia Dinah Caminiti sui social. Ma anche lei sembra essere caduta dalle nuvole: "È una vicenda assurda, non ne so nulla". Mio figlio non ha paura di Meloni, ma altri non hanno gli stessi strumenti. L'ingresso della politica a scuola è sempre un tema da maneggiare con attenzione.

Lega e Partito Democratico scendono e Fratelli d'Italia si avvicina. Tutto in perfetta antitesi con i principi fondamentali della nostra Costituzione.

L'organizzazione dell'evento, reso noto con una circolare della preside Maria Rosa Avrò, ha suscitato le polemiche dei Giovani Democratici, che hanno scritto una nota in merito.

Ma si tratta o di un equivoco o di una montatura in malafede. "Purtroppo non è successo niente di tutto questo". Che parla di "campagna elettorale travestita da presentazione di un libro. E' paradossale che esponenti di partiti che sistematicamente e apoditticamente accusano i membri di "Fratelli D'Italia" e di non rispettare l'opinione altrui si rendono nel frattempo protagonisti dell'ennesimo tentativo di oscurare, di "mettere il bavaglio" a chi appartiene ad una fazione politica diversa, ed in questo caso, non gradita".

Altre Notizie