Venerdì, 25 Giugno, 2021

Vaccini, Speranza: 28 maggio possibile ok di Ema per Pfizer ai 12-15enni

Covid. Il ministro Speranza “Il 28 maggio si prevede che l’Ema rilasci autorizzazione al vaccino Pfizer per la fascia 12-15 anni” Speranza: "Speriamo ok EMA a Pfizer per 12-15enni il 28 maggio"
Esposti Saturniano | 20 Mag, 2021, 10:24

Avrebbe dovuto ricevere la seconda dose di Pfizer il 2 giugno, come previsto dalle raccomandazioni della stessa casa produttrice, e in base a quella data - comunicatagli dagli stessi medici del centro vaccinale - ha prenotato le vacanze a partire dal 5 giugno.

E' molto importante la novità che ha reso nota il ministro della Salute Roberto Speranza a proposito della possibilità che possano essere vaccinati contro il Covid i giovani di età compresa tra i 12 e i 15 anni. "Questo sarebbe un fatto molto importante che ci consentirebbe, come già avvenuto negli Usa, di allargare ad altre fasce di età la nostra campagna di vaccinazione".

Il ministro della Salute ha ricordato anche l'andamento della campagna di vaccinazione: "Ad oggi quasi un terzo degli italiani ha avuto una prima dose somministrata, e questo è un dato incoraggiante, in tutto siamo arrivati a ventotto milioni e mezzo circa di dosi somministrate". "Finora ci siamo preoccupati di vaccinare le fasce di persone più esposte al virus: operatori sanitari, anziani, fragili". Ma oggi "si pone con grande attualità il tema di arrivare anche alle altre generazioni".

"Si prevede che il 28 maggio l'Ema rilasci l'autorizzazione al vaccino Pfizer per la fascia 12-15 anni". La vaccinazione per fasce più giovani è strategica, ed è essenziale in vista del riavvio del prossimo anno scolastico. "Il governo è a lavoro con il Commissario straordinario- ha aggiunto ancora il ministro- per costruire un adeguamento del piano a questa disposizione, che ci aspettiamo da Ema appunto per la fine del mese, che ci metta nelle condizioni di costruire anche una comunicazione che renda consapevoli le persone dentro un elemento, che ormai penso sia di dominio comune nel nostro Paese, cioè che la campagna di vaccinazione è l'arma più rilevante di cui disponiamo per chiudere definitivamente questa stagione così difficile", ha concluso.

Altre Notizie