Domenica, 26 Settembre, 2021

Nuovo decreto: coprifuoco alle 23 da subito. Novità per ristoranti e matrimoni

Covid: Costa, 'oggi prolungamento coprifuoco e a giugno sarà abolito' L'Italia si prepara a salutare il coprifuoco
Machelli Zaccheo | 19 Mag, 2021, 12:14

A partire dal 7 giugno 2021, invece, sarà valido dalle ore 24 alle 5 mentre dal 21 giugno 2021 sarà completamente abolito.

L'Esecutivo targato Draghi ha apportato nei mesi scorsi alcune modifiche per le aree Regioni. Nel documento approvato dalla Conferenza delle Regioni in cui sono riportati i nuovi parametri, i presidenti ribadiscono infatti che "la proposta di revisione deve essere considerata transitoria, per arrivare in tempi rapidi ad un superamento del sistema a zone". A contare saranno invece il tasso di occupazione delle terapie intensive e reparti ordinari, e l'incidenza dei casi.

Ottime notizie sul fronte coprifuoco, oggi il Governo deciderà sulle misura in questione: le prospettive sono delle migliori.

Dal 21 giugno: fine del coprifuoco. Una progressione che porterà alla fine di giugno quando sarà eliminato il divieto di circolare la sera.

Ristorazione e negozi: Riaperture gia' programmate: dal 1 giugno sara' consentito anche al chiuso il consumo al tavolo dalle ore 5:00 alle ore 18:00. L'altro nodo da sciogliere concerne l'apertura serale. Dal 7 giugno, se si dovesse mantenere questo trend, anche Abruzzo, Veneto e Liguria abbraccerebbero il colore più tenue con maggiori libertà. Ormai - afferma Marinoni - è chiaro a tutti che non sono i ristoranti e i pubblici esercizi in genere i luoghi del contagio, che per fortuna sta calando sensibilmente.

Riaperti stabilimenti balneari e piscine all'aperto, i turisti stranieri cominciano ad affacciarsi nuovamente nelle piazze e nelle strade delle città, dopo la circolare del ministro della Salute, Roberto Speranza, che cancella la quarantena per i cittadini dell'Unione Europea e della Gran Bretagna. Il Comitato Tecnico Scientifico ha ancora qualche perplessità per dare l'ok al chiuso, per l'utilizzo di docce e di spogliatoi. Il Governo si era impegnato a garantire le riaperture nei week-end, qualora i dati epidemiologici non fossero stati preoccupanti.

Anche all'interno dei centri proseguirà l'obbligo di indossare la mascherina e il contingentamento degli ingressi per evitare assembramenti. "In queste due settimane ci dobbiamo concentrare su queste due categorie poi a giugno con l'afflusso più massiccio di vaccini potremmo pensare di andare ad avere delle inoculazioni sul resto delle categorie, penso alle categorie produttive, al settore turistico alberghiero, al settore della grande distribuzione, che ne hanno bisogno". I matrimoni potranno ripartire dal 15 giugno, ma con il "green pass", vale a dire il certificato di avvenuta vaccinazione, di guarigione o un tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti.

Il decreto-legge entrato in vigore il 26 aprile prevedeva la riapertura dei parchi tematici dal 1° luglio 2021.

Riaprono le palestre, quindi in anticipo rispetto a quanto stabilito con il primo decreto riaperture.

1 luglio Riaprono le piscine al chiuso, i centri natatori e i centri benessere.

Centri sociali, culturali e ricreativi - Riapertura delle attività di centri culturali, centri sociali e centri ricreativi a partire dal primo luglio. In Puglia intanto si prepara un test per la riapertura delle discoteche.

Laureata in Lettere Moderne all'Università degli Studi di Milano e specializzanda nel corso di Laurea in Scienze e Tecniche della Comunicazione all'Università degli Studi dell'Insubria. Ci sarà la possibilità di spostarsi tra le Regioni ma un atteggiamento maggiormente aperturista sarà ad ogni modo accompagnato dal rispetto delle norme. Ora sono un nuovo membro del team dei "Redattori di Assalto" di Trend-Online.

Altre Notizie