Domenica, 11 Aprile, 2021

Domani due regioni cambiano colore: Campania resta in rosso

Zona rossa e arancione: cosa cambia da martedì 6 aprile, le nuove regole Nuova mappa colori dal 12 aprile: ecco le Regioni che potrebbero cambiare zona
Esposti Saturniano | 06 Aprile, 2021, 15:54

Per quel che riguarda piscine e palestre resteranno chiuse anche in zona arancione, ma vi sono alcuni importanti cambiamenti: "Le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e centri termali sono sospese, fatta eccezione per l'erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza per le attività riabilitative o terapeutiche e per gli allenamenti degli atleti, professionisti e non professionisti, che devono partecipare a competizioni ed eventi riconosciuti di rilevanza nazionale con provvedimento del Coni o del Cip". La novità, in vigore da oggi, è rappresentata dal passaggio di Veneto, Marche e provincia autonoma di Trento in zona arancione, come stabilito dall'ordinanza del ministro Roberto Speranza.

ZONA ROSSA - (Lombardia, Toscana, Emilia Romagna, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Puglia, Valle d'Aosta e Campania) - Sono nove le regioni sottoposte alle misure di contenimento più rigide, dove è consentito spostarsi soltanto per motivi di lavoro, salute o necessità e non è concesso andare a trovare parenti o amici. Nelle zone rosse gli alunni di seconda e terza media e delle superiori seguono le lezioni con didattica a distanza. Saranno in classe anche gli alunni fino alla terza media e quelli delle superiori, ma al 50%. Bar e ristoranti chiusi, sì servizio a domicilio senza limiti di orario e asporto (fino alle 18 i bar, fino alle 22 gli altri). È, inoltre, possibile "recarsi in un altro Comune, dalle 5 alle 22, per fare attività sportiva solo qualora questa non sia disponibile nel proprio Comune".

Per la zona rossa invece, come confermato dal quotidiano Corriere della Sera, sono vietati tutti gli spostamenti salvo se motivati da comprovate esigenze lavorative o situazione di necessità. Nessuna restrizione per la ristorazione con consegna a domicilio.

A differenza di quanto accade in zona rossa, sono possibili le visite ad amici e parenti ma solo all'interno del proprio comune. Restano invece chiusi in zona rossa. Non rientrano però nel conteggio gli under 14 e le persone affette da disabilità o non autosufficienti. Aperti i negozi, tranne nei centri commerciali in festivi e pre.

Restano chiusi fino al 30 aprile palestre e piscine. Per i soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dai codici ATECO 56.3 (bar e altri esercizi simili senza cucina) l'asporto è consentito fino alle ore 18. E' interdetto l'uso di spogliatoi interni nei circoli. Vietati gli sport di contatto e di squadra. Sì attività motoria vicino casa e sportiva nel comune, da soli e all'aperto.

Altre Notizie