Martedì, 20 Aprile, 2021

In Sicilia altri mille positivi, +73 negli ospedali

Zona rossa a Palermo, la Regione certifica l’emergenza Covid, Palermo da domani potrebbe diventare zona rossa
Deangelis Cassiopea | 06 Aprile, 2021, 04:49

Salgono invece sensibilmente le vittime: oggi sono 21 a fronte delle 14 di ieri. La situazione dunque, resta molto critica in tutta la regione, specie nel palermitano dove l'incidenza settimanale dei nuovi contagi ha raggiunto 230mila casi ogni centomila abitanti.

Per non parlare della "pressione" sugli ospedali legata all'aumento dei ricoveri di pazienti Covid, in particolare al "Cervello" di Palermo e al Covid hospital di Partinico, e alle ambulanze in coda davanti ai pronto soccorso. Anche i pazienti Covid ricoverati in ospedale superano nuovamente quota mille: sono esattamente 1.127, di cui 153 in terapia intensiva.

I guariti ammontano invece a 151.107, 67 in più rispetto a quanto registrato ieri.

A livello provinciale, come detto, è la zona palermitana quella che preoccupa di più in questo momento le autorità sanitarie.

La distribuzione nelle province vede Palermo con 360 nuovi casi, Catania 223, Messina 124, Siracusa 3, Trapani 19, Ragusa 56, Caltanissetta 76, Agrigento 131, Enna 22. Nella settimana appena trascorsa i nuovi positivi sono stati 7.005, il 20,5% in più rispetto alla precedente.

In calo rispetto a ieri l'aumento di vittime: lunedì scorso erano 417, martedì 529, mercoledì 467, giovedì 501, venerdì 481, sabato 376, domenica 326, oggi 296.

Sono 250.933 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri i test erano stati 359.214. Il tasso di positività è sceso al 7,1%, ieri era al 5,9%. Rispetto alla settimana scorsa sono aumentati di 154 unità (in Terapia Intensiva sono aumentati di 24 unità).

"In queste ore continuano ad arrivare persone con insufficienze respiratorie - dice il medico Giovanni Luca D'Agostino - magari pensateci mentre domani organizzate la grigliatina di nascosto con gli amici, sentendovi 'paladini' che si battono per la libertà".

Altre Notizie