Mercoledì, 21 Aprile, 2021

Draghi in Senato: cosa ha detto su vaccini e apertura scuole

CronacaPRIMA      Zona rossa pure dopo Pasqua. Draghi valuta la nuova stretta
     
              Di Adolfo Spezzaferro-        24 Marzo 2021 CronacaPRIMA Zona rossa pure dopo Pasqua. Draghi valuta la nuova stretta Di Adolfo Spezzaferro- 24 Marzo 2021
Evangelisti Maggiorino | 24 Marzo, 2021, 12:49

Si tratta dell'ennesima conferma di un'attenzione che l'ex banchiere centrale ha sempre dedicato al tema dei giovani e dell'importanza del loro capitale umano per una società che abbia per obiettivo lo sviluppo, non solo economico. Voglio ringraziare la Ministra Mara Carfagna per avere organizzato questo confronto sul Sud e sul programma Next Generation EU. "La giornata di oggi va dunque intesa soltanto come un primo passo", ha affermato il presidente del Consiglio. Procedere spediti con la somministrazione è importante ma è cruciale vaccinare prima gli anziani e i fragili che più hanno da temere dal virus.

"Grazie a chi offrirà il suo contributo, a chi darà il suo contributo con idee, proposte e grazie alla presenza del presidente del consiglio Mario Draghi".

"Il programma 'Next Generation EU' prevede per l'Italia 191,5 miliardi da spendere entro il 2026".

Sì al certificato digitale per i vaccinati e i guariti dal Covid-19. Per il Premier Mario Draghi oltre ai vaccini bisogna pensare anche all'istruzione degli italiani. Negli ultimi anni, c'è stato un forte calo negli investimenti pubblici, che ha colpito il Sud ovviamente insieme al resto del Paese.

"Per la prima volta da tempo, abbiamo l'occasione di aumentare la spesa in infrastrutture fisiche e digitali, nelle fonti di energia sostenibili. Questo regolamento fa chiarezza sulla distribuzione dei vaccini al di fuori dell'Ue, in particolare verso Paesi che non versano in condizioni di vulnerabilità, e riteniamo e lo abbiamo dimostrato va applicato quando necessario". "Ma abbiamo imparato che tante risorse non portano necessariamente alla ripartenza del Mezzogiorno". Questo è avvenuto nonostante il blocco temporaneo delle somministrazioni di AstraZeneca, che sono state in parte compensate con un aumento delle vaccinazioni con Pfizer. "Il 70% di queste opere non completate era localizzato al Sud, per un valore di 2 miliardi", ha concluso il premier.

Mario Draghi apre il suo discorso parlando della fiducia nel piano vaccinale, la quale è portata avanti con la massima intensità in Italia e in Europa. Alla luce di questi dati, e per iniziare a delineare il quadro delle misure anti-Covid dopo Pasqua, il presidente del Consiglio Mario Draghi ha convocato Palazzo Chigi il ministro della Salute, Roberto Speranza, e i membri del Comitato tecnico scientifico (Cts) Franco Locatelli e Silvio Brusaferro. "Il nostro obiettivo è portare il ritmo a mezzo milione al giorno".

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Ringrazio anche tutte le realtà istituzionali, sociali e universitarie che sono qui per offrire il loro prezioso contributo.

Altre Notizie