Giovedi, 22 Aprile, 2021

Speranza: "Vaccino arma più efficace. Sistema colori confermato dopo 6 aprile"

Speranza Speranza: "Maggioranza degli italiani in zona rossa per piegare la curva"
Cacciopini Corbiniano | 22 Marzo, 2021, 16:11

Covid, il ministro della Salute Roberto Speranza invita a non abbassare la guardia nei confronti della lotta al virus ma, allo stesso tempo, si dice ottimista.

"So - ha detto - che gli italiani sono provati dalle restrizioni, ma con il decreto Sostegni mettiamo in campo oltre 150mila tra medici di famiglia, odontoiatri, pediatri, specializzandi e specialisti ambulatoriali". Il sistema dei colori resterà anche dopo il 6 aprile.

Roberto Speranza per accelerare la campagna vaccinale è pronto a destinare le dosi di AstraZeneca a chiunque si disposto a vaccinarsi. Infatti, il caos sollevato dai casi di trombosi ha portato molte persone a cancellare la vaccinazione con il siero britannico. "Abbiamo tantissime persone per dare la spinta", ha spiegato. Gli italiani sono consapevoli che il vaccino è l'unica arma straordinaria per uscire da questa situazione terribile, ci sono ancora regioni in zona rossa. Non manca chi sottolinea come si potesse evitare di sospendere, anche se se solo per poco, il preparato, alla luce di pochissimi eventi avversi. Le altre Regioni che la scorsa settimana sono diventate rosse, invece, non possono vedere un alleggerimento delle restrizioni in vigore, considerando che le ordinanze hanno validità di 15 giorni.

"Se dopo la Pasqua il paese può ricominciare a vivere? Noi continuiamo a controllare", ha aggiunto. "La scelta - ha detto Speranza - è stata confermata dagli ultimi decreti del governo e credo sia la più efficace a rendere le misure proporzionali alla differente situazione epidemiologica dei territori". Io seguo la linea della tutela della salute, non si tratta di essere rigoristi o tifosi delle aperture, si tratta di essere realisti, se c'è un contagio che corre e una curva che cresce, abbiamo il dovere di intervenire, questo è il mandato della Costituzione su cui abbiamo giurato e su questo non sono ammesse scorciatoie e divisioni o leggerezze. Tuttavia, già in giallo si era scelto di disporre il divieto di spostarsi tra una regione e l'altra senza comprovati motivi di lavoro, salute o necessità.

Altre Notizie