Martedì, 20 Aprile, 2021

AstraZeneca, c’è il via libera dell’Ema: "Un vaccino sicuro ed efficace"

Astrazeneca chi lo rifiuta rischia di non si vaccinarsi Astrazeneca chi lo rifiuta rischia di non si vaccinarsi
Esposti Saturniano | 18 Marzo, 2021, 19:58

"La mancanza di efficacia contro la variante B.1.351 deve essere considerata nel contesto dell'efficacia del 75% nel prevenire Covid-19 da lieve a moderata con insorgenza almeno 14 giorni dopo anche una singola dose di vaccino ChAdOx1 nCov-19 osservata prima che la variante B.1.351 emergesse in Sudafrica" hanno concluso gli studiosi, sottolineando che "lefficacia del vaccino nella prevenzione di Covid-19 dovuto alla variante B.1.351 è stata stimata in un'analisi secondaria" e che "lo studio era finalizzato all'obiettivo primario di un'efficacia del vaccino di almeno il 60% nella prevenzione del Covid-19 di qualsiasi gravità, indipendentemente dalle varianti". Ancora non è chiaro infatti quanto duri la protezione anticorpale dei diversi sieri ma le stime più certe prevedono che copra 5-6 mesi: questo significa che i primi cittadini che sono stati vaccinati a gennaio, già a giungno - fra soli tre mesi - potrebbero non essere più protetti dal Covid e in questa eventualità - trattandosi di medici, infermieri e anziani delle rsa che non possono essere lasciati scoperti - sarà necessario ricominciare da capo con un nuova prima iniezione di vaccino. Lo ha detto la direttrice dell'Agenzia europea del farmaco (Ema), Emer Cooke, parlando in conferenza stampa.

"Restiamo fiduciosi sui vaccini che sono fondamentali per la sfida che stiamo affrontando" ha aggiunto Sabien Straus, a capo della Commissione di farmacovigilanza.

Il professor Giorgio Palù, presidente dell'Aifa, va più a fondo nella questione e commenta: "Attendiamo con fiducia" la decisione dell'Ema sul vaccino AstraZeneca, sospeso in Italia e in altri paesi.

Gli esperti dell'Organizzazione mondiale della sanità stanno valutando i dati sulla sicurezza del vaccino Astrazeneca ma, in attesa delle valutazioni dell'Ema, ritengono che al momento i benefici superino i rischi e raccomandano di continuare con le vaccinazioni. "Oggi stiamo mantenendo la nostra promessa".

"Indagheremo se ci sono rischi per chi usa pillola contraccettiva" - "Tra i fattori di rischio c'è proprio l'assunzione della pillola anticoncezionale".

Dopo il via libera dell'Ema si penserà al riavvio della campagna di vaccinazione per il personale scolastico. Tra le opzioni c'è anche lo slittamento in coda alle liste vaccinali di chi rinuncia alla prima chiamata, sia nel caso in cui il soggetto non si presenti ad un appuntamento, sia nel caso non venga fatta domanda prima della scadenza prevista per la propria categoria.

Altre Notizie