Sabato, 10 Aprile, 2021

Viaggiare in sicurezza: treni Covid free Roma-Milano

Ad aprile partirà il primo treno Covid tested d’Italia: come funzionerà e come si viaggerà Dalla Lombardia il primo treno sanitario per pazienti intubati
Cacciopini Corbiniano | 10 Marzo, 2021, 03:18

Sicché, come tutti i servizi e i prodotti di uso quotidiano si sono adeguati al Covid, anche i treni e gli aerei lo saranno. Zoli ha inoltre confermato che a breve il convoglio ospedale potrebbe essere operativo, in quanto "stamattina in Cts si discuteva della possibilità di utilizzare questo treno per spostare pazienti da parti d'Italia più in difficoltà a un'altra". Di cosa si tratta?

In principio, era stata l'idea dei voli Covid free. Essi, sono stati lanciati in via sperimentale e, considerati gli ottimi risultati, si è continuato in questa direzione. È stato presentato ieri da Trenitalia il treno "Covid free" fra Roma e Milano.

Ad aprile, il taglio del nastro per la prima tratta Roma - Milano fruibile solo ai passeggeri negativi al test per la rilevazione del Coronavirus.

Esso, in pratica, è un collegamento ferroviario, introdotto da Ferrovie dello Stato che pone al centro della sua politica la sicurezza, facendo viaggiare unicamente i passeggeri che si rivelano negativi al test.

Questa soluzione di viaggio in sicurezza verrà implementata soprattutto per le destinazioni turistiche per l'estate, ha fatto sapere Gianfranco Battisti, AD del Gruppo FS, indicando Firenze e Venezia come altre possibili città oggetto dell'iniziativa.

Ad aprile partirà il primo treno Covid tested d’Italia: come funzionerà e come si viaggerà

Nel presentare la novità, Battisti ha anche anticipato le altre due iniziative del Gruppo Fs. L'amministratore ha proseguito: "Oggi è un giorno importante, perché presentiamo tre iniziative importanti assieme a due grandi istituzioni del Paese: la protezione civile e la Croce Rossa, collaborando anche con "la Regione Lazio, la Regione Lombardia e il Ministero della Salute e l'Agenzia Regionale Emergenza Urgenza della Lombardia (Areu)". E davanti all'ingresso principale della stazione Termini è in funzione anche l'hub per la vaccinazione anti-Covid inaugurato nei giorni scorsi. È stato concepito a titolo di servizio sanitario integrativo, per supplire alle carenze delle strutture sanitarie territoriali, laddove la pressione sia diventata insostenibile per l'indisponibilità di posti letto.

Una è il treno sanitario, l'altra l'hub per le vaccinazioni. A bordo di essi, naturalmente, vi sarà personale sanitario.

Sicché, in caso di mancanza di posti letto, o di insufficienza di strutture o cure disponibili, il malato si trasporterà altrove, a mezzo di questi treni.

La seconda rivoluzione nei mezzi di trasporto è apportata, poi, dall'hub ferroviario, che è un'area della stazione adibita a punto vaccinazioni. Esso, disponendo di 21 postazioni, sarà in grado di vaccinare 1.500 persone al giorno. In definitiva, si tratta di idee veramente grandiose, che, se realizzate e rese accessibili a tutti, fanno ben sperare per il futuro.

Altre Notizie