Sabato, 10 Aprile, 2021

Dl sostegno la prossima settimana. Castelli, addio Ateco - Ultima Ora

Mario Draghi Cassa integrazione, novità: sarà per tutto l'anno con il decreto Sostegno
Esposti Saturniano | 04 Marzo, 2021, 15:51

Decreto atteso fine prossima settimana. Ma anche l'ipotesi di stralcio delle cartelle fiscali degli anni dal 2000 al 2015 (fino a 5mila euro comprensivi di sanzione e interessi) e il rinvio di due mesi per la ripresa degli invii di nuove cartelle e delle rate del pagamento della 'rottamazione ter' e del 'saldo e stralcio'. Comincia a prendere corpo il dl sostegno tra le prime bozze e le dichiarazioni degli esponenti del governo.

Fatta la premessa, secondo le prime ipotesi al vaglio del governo e che dovrebbero tuttavia essere poi confermate, la cassa integrazione del decreto Sostegno potrebbe essere per tutto l'anno per quelle piccole imprese come commercio e terziario che a fine giugno terminano il periodo in cui possono usufruire delle settimane della Legge di Bilancio.

Ecco quindi quali saranno le principali novità che saranno introdotte con il nuovo Decreto Sostegno, quali saranno i fortunati che potranno accedere agli indennizzi economici e ai vari bonus che saranno introdotti e tutti gli altri dettagli del nuovo decreto-legge. Diversi i provvedimenti pensati dal nuovo governo: dal blocco dei licenziamenti ai ristori a fondo perduto, passando per lo stralcio delle mini-cartelle. E' una bozza provvisoria che subirà modifiche e integrazioni nelle riunioni tecniche e di governo che si stanno intensificando in questi giorni.

Un sospiro di sollievo arriverà anche per i lavorato autonomi, i lavoratori stagionali e i lavoratori dello spettacolo, i quali avranno sicuramente diritto a nuovi bonus, tra questi si ipotizza anche un'indennità economica iniziale pari a 3.000 euro.

A questo proposito, tra le nuove misure che saranno approvate con il nuovo Decreto Sostegno vi è innanzitutto la proroga dello stop alle cartelle esattoriali, la quale scadenza era stata prevista per lo scorso 28 febbraio. Ieri il premier Mario Draghi ha ricevuto il direttore dell'Agenzie delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini.

Il governo sta mettendo a punto un piano di aiuti per circa 2,7 milioni di partite Iva, professionisti e imprese che hanno perso parte del fatturato.

Un documento di lavoro dell'esecutivo conferma che gli indennizzi saranno suddivisi a fasce a seconda del fatturato e spetteranno alle aziende, anche della ristorazione, che hanno registrato una perdita del 33% della media mensile del fatturato del 2019 rispetto a quella del 2020. La percentuale di risarcimento sarà tarata sul fatturato. Nel decreto Sostegno ci saranno anche due miliardi di investimenti per trasporto e somministrazione del vaccino anticovid e per lo sviluppo di nuovi medicinali.

Comparto sci - Alla filiera della neve andrebbero 600 milioni ripartiti dalla conferenza Stato-Regioni, in aggiunta al fondo perduto che spetta alle categorie colpite dalle chiusure.

Nelle prossime settimane, infatti, dovrebbe essere già approvato il nuovo dl Sostegno, il quale verosimilmente andrà a porre le basi per altri decreti-legge che si susseguiranno nel tempo al fine di continuare ad aiutare gli italiani e le famiglie, e di evitare un incremento dei disoccupati, il cui numero è già al momento preoccupante.

Altre Notizie