Mercoledì, 21 Aprile, 2021

Covid: Bozza nuovo Dpcm, misure in vigore anche a Pasqua

Il premier Mario Draghi Il premier Mario Draghi
Evangelisti Maggiorino | 03 Marzo, 2021, 08:54

Insomma, a meno di sorprese dell'ultimora, non è che sia tutta questa rivoluzione il "metodo Draghi". Divieti e restrizioni che si concluderanno il giorno dopo Pasquetta, che vedranno ancora l'Italia divisa in fasce di colore, con norme da rispettare diverse da zona a zona. La ragione principale sta nella situazione epidemiologica che in molte Regioni continua a preoccupare fortemente medici, scienziati ed esperti. Con il nuovo Dpcm Draghi c'è una novità. Vengono definite meglio anche le limitazioni in zona bianca.

Tra le novità spicca il via libera a cinema, teatri e musei anche nel weekend, a partire dal 27 marzo. Dal 6 marzo al 6 aprile, le palestre e le piscine restano chiuse, così come gli impianti sciistici.

I negozi restano aperti, senza distinzione, in zona arancione e gialla, solamente quelli che vendono prodotti essenziali in zona rossa.

Sempre in zona gialla il giorno di Pasqua o Pasquetta sarà possibile andare a pranzo al ristorante, mentre in zona arancione e rossa questi saranno chiusi. Asporto e domicilio sono consentiti nelle zone arancio e rosse. Giù quindi le serrande.

In fascia bianca, tutte le attività sono aperte, ma bisogna continuare a tenere la mascherina e osservare le regole del distanziamento. Si temono gli assembramenti fuori dai locali, che puntualmente avvengono anche a locali chiusi anche nel fine settimana. In zona arancione è inoltre possibile recarsi nelle seconde case così come nella zona gialla.

Nuovo Dpcm Draghi, attesa la bozza: ecco cosa si sa

Nelle aree in fascia arancione, arancione scuro e rosso è consentito l'asporto dai bar fino alle 18. Dai ristoranti fino alle 22. Rimane consentita la consegna a domicilio.

16 -In fascia arancione e arancione scuro si può svolgere attività motoria e sportiva? "Le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell'organizzazione dell'attività didattica ai sensi degli articoli 4 e 5 del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, almeno al 50 per cento e fino a un massimo del 75 per cento della popolazione studentesca delle predette istituzioni sia garantita l'attività didattica in presenza". Ora quindi il Cts dovrà dare il proprio parere al presidente del Consiglio, che dovrà prendere una decisione di primaria importanza per il trimestre conclusivo dell'anno scolastico.

Sì, questo spostamento è sempre consentito. Il divieto varrà per tutti. L'unica eccezione, come sempre, riguarda i motivi di lavoro, salute e urgenza che devono essere giustificati con il modulo di autocertificazione. I genitori separati o divorziati possono spostarsi tra le Regioni per stare con i figli minori.

Dal 27 marzo, saranno possibili spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi, anche all'aperto, il tutto se sono svolti con posti a sedere preassegnati e distanziati.

Se è vero che sono calati i nuovi casi di Covid-19, aumentano però i ricoveri: su oltre 15 mila test, si registrano 1.044 casi positivi (-297 rispetto a ieri), 28 decessi e +1.094 guariti. Continueranno, dunque, ad esserci per il momento le zone gialle, arancioni o rosse in base alla situazione epidemiologica dei territori. Il trasferimento riguarda esclusivamente il nucleo familiare. Per essere considerata tale bisogna dimostrare di averne avuto titolo - proprietà o affitto - prima del 14 gennaio 2021. Linea appoggiata anche dal governo: non ci saranno allentamenti, almeno fino a dopo Pasqua, sul coprifuoco per i ristoranti e i bar.

Altre Notizie