Sabato, 27 Febbraio, 2021

Ufficiale: La Campania è arancione, ecco tutte le regole

“Probabilmente andremo in zona arancione”. De Luca lancia l’allarme Vaccino Covid, De Luca: "Ho fermato io le Primule"
Cacciopini Corbiniano | 20 Febbraio, 2021, 02:29

Il passaggio era stato anticipato nella mattinata di venerdì dal presidente De Luca: "È molto probabile che torneremo in zona arancione, credo che abbiate visto anche voi le immagini di questi fine settimana", aveva detto alla stampa. Vediamo le nuove restrizioni.

La Campania è tornata in zona arancione.

Con il nuovo stop ristoranti e bar dovrebbero chiudere da domenica, mentre ritorna il divieto di spostamento tra comuni se non per motivi di salute e lavoro.

Campania, Emilia Romagna e Molise si vanno ad aggiungere ad Abruzzo, che quindi rimarrà arancione, grazie ad un lieve abbassamento del valore dell'indice Rt, passato a 1,17, Toscana, Liguria, Provincia autonoma di Trento, Umbria e Marche. Gli spostamenti fuori dalla regione sono vietati fino a giovedì 25 febbraio 2021.

Chi dovrà lasciare la propria città potrà farlo solo per motivi di salute e lavoro.

Rimane la possibilità di spostarsi liberamente all'interno del Comune in cui si abita, sempre in rispetto del coprifuoco notturno, e di fare una visita al giorno a casa di parenti o amici (sempre all'interno dello stesso Comune) per due persone più minori di 14 anni e persone conviventi non autosufficienti.

Le attività di ristorazione - bar, ristoranti, gelaterie, pasticcerie - sono aperti ma solo per le consegne a domicilio e il servizio di asporto. I locali classificati come "bar e altri esercizi simili senza cucina" (codice Ateco 56.3) e "commercio al dettaglio di bevande in esercizi specializzati" (codice Ateco 47.25) non possono effettuare vendita d'asporto dopo le 18.00.

Altre Notizie