Sabato, 27 Febbraio, 2021

Febbre da Draghi: trionfo in Senato, oggi il bis alla Camera

Mario Draghi, il premier in Parlamento ha problemi con la mascherina Draghi, l’intervento sulla fiducia al Senato (VIDEO)
Acerboni Ferdinando | 18 Febbraio, 2021, 19:43

"Francamente mi aspettavo un discorso diverso".

Una volta chiamato a santo protettore Cavour e il bene supremo della nazione per profumare l'odore del dirigismo finanziario, ancor prima di addentrarsi sulle linee programmatiche, Draghi ha rivolto a Conte un ringraziamento suffragato dal riferimento ai binari costruiti del suo predecessore, sul punto cruciale del Recovery plan, della lotta alla pandemia, del cambiamento del modello di sviluppo attraverso una rivoluzione ecologica. "E' nel commosso ricordo di chi non c'è più che cresce il nostro impegno". Come ha detto papa Francesco: "Siamo stati noi a rovinare l'opera del Signore".

Anche Silvio Berlusconi rilancia la collaborazione nel governo. Non esiste un prima e un dopo.

Inoltre, Draghi ha poi ricordato a tutti che "quando usciremo, e usciremo, dalla pandemia, che mondo troveremo?"

"Questo è il terzo governo di questa legislatura".

Governo Draghi nato da un fallimento della politica? Non bisogna dimenticare che il sistema tributario è un meccanismo complesso, le cui parti si legano una all'altra. "E siamo onorati di servire il nostro Paese, consapevoli del difficile compito che ci è stato affidato". "Dal dopoguerra ad oggi, la situazione è notevolmente migliorata, ma questo miglioramento non è andato di pari passo con un miglioramento delle condizioni di carriera delle donne".

Mi sembra molta aria fritta e credo che ci sia poco su quelli che sono gli obiettivi reali di questo Paese.

"Ogni spreco oggi è un torto che facciamo alle prossime generazioni, una sottrazione dei loro diritti". Le nostre decisioni devono essere orientate a un futuro migliore. "Nella speranza che i giovani ci ringrazino per il nostro lavoro e non abbiano di che rimproverarci per il nostro egoismo". Tutti eventi, comunque, non destinati a disturbare più di tanto la marcia del neonato governo, che per ora può contare su un consenso plebiscitario ma avrà presumibilmente non più la sola opposizione di Fratelli d'Italia, ma anche una opposizione "di sinistra" o di centrosinistra. Ma non solo. L'ancoraggio all'Europa è una necessità: "Non c'è sovranità nella solitudine". Siamo una grande potenza economica e culturale. "Dobbiamo quindi essere noi ad assicurare questa espansione e lo dobbiamo fare subito". Il presidente del Consiglio lo segue dai banchi del governo.

Capitolo economia. "Si è aggravata la povertà - ha spiegato il premier -".

"Il numero totale di ore di Cassa integrazione per emergenza sanitaria dal 1 aprile al 31 dicembre dello scorso anno supera i 4 milioni. Nel 2020 gli occupati sono scesi di 444mila unità". Non dovrà essere somministrato solo nei luoghi specifici, ma in tutte le strutture, pubbliche e private, come fatto anche per i tamponi. Allineare il calendario scolastico alle esigenze derivanti dall'esperienza vissuta dall'inizio della pandemia. Draghi ha parlato di scuola, vaccini e lavoro. Siamo chiamati a disegnare un percorso educativo con standard europeo, coniugando competenze scientifiche e umanistiche.

Altre Notizie