Sabato, 10 Aprile, 2021

Nato il governo Draghi: ecco la lista dei ministri

Draghi nomina i ministri, 8 donne e 15 uomini Governo Draghi: i nomi dei “nuovi” ministri - Imola Oggi
Deangelis Cassiopea | 13 Febbraio, 2021, 16:11

E' un tecnico, ma in rapporti di stretta amicizia con Renzi tanto da avere partecipato a numerose Leopolde sia quando Matteo era in auge sia quando era finito quasi in disgrazia, ed ha guidato molte lezioni alla scuola di formazione politica dei renziani.

Lasciata l'abitazione romana in zona Parioli, il premier incaricato Mario Draghi arriva al Quirinale a bordo della nota station wagon per incontrare il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, e dunque sciogliere la riserva, accettare l'incarico, e presentare la squadra dei ministri con e senza portafoglio che andranno a comporre l'esecutivo nascente. Asciutto nello stile, non aggiunge alcun commento davanti alle telecamere.

Eccolo il nuovo esecutivo, molto più politico e molto meno in discontinuità di quel che ci si sarebbe attesi. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio sara' invece Roberto Garofoli. Mercoledì 17 alle 10 Draghi si presenterà in Senato per il voto di fiducia e successivamente alla Camera.

Il rischio è che una figura di assoluto valore come Mario Draghi finisca impelagato nelle dinamiche partitiche, di certo ogni forza politica giocherà la sua partita per capitalizzare politicamente il consenso in vista delle elezioni che, al più tardi, si terranno tra due anni. All'Interno viene confermata Luciana Lamorgese, alla Giustizia Marta Cartabia, ai Trasporti Enrico Giovannini.

Otto ministri sono tecnici.

Aggiornamento ore 13.15 Giuseppe Conte ha passato la campanella a Mario Draghi, nella tradizionale cerimonia che segna il passaggio di consegne a Palazzo Chigi.

Nasce il ministero della Transizione ecologica affidato al fisico Roberto Cingolani. Mentre nel M5S si registrano malumori: "Non c'è il super-ministero chiesto da Beppe Grillo e il ricco ministero dello sviluppo economico va alla Lega" fa notare Barbara Lezzi, pentastellata del fronte del no. Via anche Nunzia Catalfo, antipasto di una svolta che ci si prefigura sulla gestione di Inps e reddito di cittadinanza: lascerà il posto ad Andrea Orlando, che riappare in una compagine governativa mentre scompare l'altro ex vicesegretario del Pd, Paola De Micheli. Con Brunetta, Carfagna e Gelmini di Forza Italia e Garavaglia della Lega che tornano nell'esecutivo.

Ministra alle Pari opportunità e alla famiglia Elena Bonetti. Roberto Speranza, Salute (Leu). All'augurio di uno dei fotografi, il premier- inaspettatamente - abbassa il finestrino dell'auto e grida "crepi il lupo", suscitando sorpresa e qualche sorriso tra i presenti.

Subito dopo inizierà il primo Consiglio dei ministri.

Altre Notizie