Sabato, 27 Febbraio, 2021

Papa Francesco, la bomba di Dagospia: "Operato d’urgenza"

La Shoa entra nell'udienza del Papa Papa Francesco: “Mi danno fastidio quelli che pregano come pappagalli, ci vuole cuore”
Evangelisti Maggiorino | 29 Gennaio, 2021, 15:28

Non è solo un problema di memoria ma è della memoria del cuore che ti apre all'incontro con il Signore: "quella Parola, quel versetto ti porta all'incontro con il Signore".

Al termine dell'udienza generale di oggi, svoltasi sempre in streaming dal Palazzo Apostolico, papa Francesco ha ricordato le vittime della Shoah: "Oggi, anniversario della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz, si celebra la Giornata della memoria". Dio passa, continuamente, tramite la Scrittura.

Attraverso la preghiera avviene come una nuova incarnazione del Verbo. E la Parola di Dio, impregnata di Spirito Santo, quando è accolta con un cuore aperto, non lascia le cose come prima, mai, cambia qualcosa. In particolare, si è affermato il metodo della 'lectio divina', nato in ambiente monastico, ma ormai praticato anche dai cristiani che frequentano le parrocchie. E l'ultimo passo della lectio divina è la contemplazione. "Che non lo ascolti, che non mi accorga del Signore", ha aggiunto. Da qui la necessità di curarsi una volta per tutte.

Attraverso la preghiera, la Parola di Dio viene ad abitare in noi e noi abitiamo in essa. Il testo biblico rimane, ma come uno specchio, come un'icona da contemplare. "Obbediente - ha spiegato a braccio - perché ascolta la Parola di Dio, e creativo perché ha lo Spirito Santo dentro che lo spinge a portarla avanti".

Il libro Siamo tutti della stessa carne scritto a quattro mani da Riccardo Cristiano, giornalista e vaticanista agnostico, e don Rocco D'Ambrosio, sacerdote e professore di filosofia presso la Gregoriana, costituisce un dialogo sull'Enciclica sociale di Papa Francesco, Fratelli tutti e, per stessa ammissione degli autori, non vuol essere una spiegazione dettagliata dei diversi capitoli dell'Enciclica, quanto piuttosto una conversazione dotta, ma familiare sui principali temi contenuti nel testo pontificio. "Così la Parola di Dio si fa carne, mi permetto di usare questa parola, si fa carne in coloro che la accolgono nella preghiera".

L'intervento ha costretto Bergoglio a cancellare tutti gli impegni.

"Le Sacre Scritture sono un tesoro inesauribile", ha concluso: "Il Signore ci conceda di attingervi sempre più, mediante la preghiera".

Altre Notizie