Lunedi, 01 Marzo, 2021

Mina Settembre: anticipazioni prima puntata domenica 17 gennaio 2021

Con il suo cappotto rosso, l'incantevole Serena Rossi ci racconta le ferite di Napoli curate dall'assistente sociale Mina Settembre Mina Settembre in giro per Napoli
Deangelis Cassiopea | 17 Gennaio, 2021, 14:45

"Una donna forte e buona Mina". "L'umorismo conta molto per Mina, che nel suo lavoro è testimone di situazioni drammatiche e molto pesanti". Proprio perché - come Mina Settembre - Serena ama dedicarsi agli altri, ha contribuito con Davide a creare un importante progetto sociale per alleviare il dramma economico e sociale causato dalla pandemia.

Inizia domenica 17 gennaio 2021 su RAI 1 in prima serata Mina Settembre la nuova Fiction di Rai 1 girata a Napoli e tratta dai racconti di Maurizio De Giovanni, Un giorno di settembre a Natale e Un telegramma a settembre. Le prime puntate domenica e lunedì.

"È una donna fondamentalmente integra".

Con la regista c'è un rapporto sincero di stima e amicizia, siamo sulla stessa lunghezza d'onda e tutto il cast mi ha sempre messo a mio agio; da parte mia ho cercato di creare un clima di armonia e devo dire che ognuno mi ha insegnato qualcosa. Mi sono avvicinata a questo ruolo con una grande voglia ed entusiasmo. Ho trovato i napoletani desiderosi e bisognosi come tutti, ma forse un po' di più, di stare insieme, di aiutarsi. Mina è speciale, è unica, capisce gli altri e li ascolta, ma se si tratta della propria vita è disastro. Cerco di vedere il buono anche quando non c'è. Ogni giorno Mina cerca di aiutare tutte le persone che si recano da lei in cerca di un supporto.

" e grazie a lei possiamo entrare nel cuore di Napoli e scoprire le vite difficili, disagiate e dolorose di tante persone". Decide di rimanere a operare nei quartieri più disagiati e proprio qui incontra Mina, e questo fa scattare emozioni e sentimenti che vanno a raccontare l'umanità di tutta Napoli e i suoi colori. "Il suo compito è il senso stesso della drammaturgia, l'essenza della messinscena in tutte le storie che si raccontano". Tutto passa attraverso lo sguardo ottimista di Mina, la sua tenacia, la sua voglia di mettere insieme i pezzi e di sistemare le vite di queste persone che stanno male. "Noi siamo stati bene, siamo stati felici, inventato per Dieghino giochi che non c'erano, lavorato con la fantasia, ci siamo coccolati tanto". "A differenza di Mina, però, sono più fortunata: ho una relazione stabile e una famiglia amorevole alle spalle".

Mina sembra un personaggio completamente diverso da quelli divertenti e leggeri che ha interpretato in "Song 'e Napule" che in "Ammore e malavita", film partenopei diretti dai Manetti Bros. Lei, pur di salvare queste persone si mette in mezzo a dei casini, si mette nei guai, con consapevolezza, perché lei deve arrivare al suo obiettivo. Scritta da Fabrizio Cestaro, Doriana Leondeff, Fabrizia Midulla e Marco Videtta, la fiction viene descritta come un dramedy sentimentale ambientato nella bellissima cornice di Napoli, con alcune sfumature narrative tipiche della commedia e del mistery. "È stato un regalo girare per così tanti mesi nella mia città: mi ha ricordato quanto è bello viverci, non solo lavorarci".

Oltre alla già citata Serena Rossi, nel cast di Mina Settembre troviamo Giuseppe Zeno nel ruolo del ginecologo Domenico "Mimmo" Gammardella, Giorgio Pasotti nei panni del magistrato Claudio De Carolis, Christiane Filangieri nel ruolo di Irene e Valentina D'Agostino nei panni di Titti Ferrari D'Aragone.

Altre Notizie