Sabato, 16 Gennaio, 2021

Fiorentina-Inter, Conte: "Qualificazione meritata". Poi ‘messaggio’ a Eriksen

Beppe Marotta Beppe Marotta
Cacciopini Corbiniano | 13 Gennaio, 2021, 22:58

Sono contento anche per quei calciatori come Kolarov che ha avuto il Covid e non faceva una partita dall'inizio da tanto o per lo stesso Ranocchia. Eriksen? Ho sempre detto che devo essere bravo io a sfruttare tutto il potenziale della mia rosa e a non lasciare nulla di intentato.

"Avremmo meritato di qualificarci nei 90 minuti, comunque è un passo che ci dà energia positiva per domenica". "Il management sa di agire in un contesto societario solido e di contare su un'area tecnica molto compattata". La situazione non è delle più semplici e per questo si è deciso di non fare movimenti in entrata e in uscita. "Facendo del nostro meglio renderemo orgogliosi i tifosi". "De Vrij, Barella, Brozovic venivano da un tour de force importante, Lukaku sta cercando di smaltire un problemino, si era allenato a parte negli ultimi giorni, Hakimi ieri aveva 38 di febbre. Alla fine abbiamo assemblato una formazione importante per passare il turno, ricevendo risposte positive da tutti". Spesso si rischia di bruciare energie nervose perché tante volte quello che fai non basta mai.

JUVENTUS - "E' una partita che dà sicuramente stimoli e che misura le nostre ambizioni". Una decisione presa dal tecnico leccese visto il calciomercato che si preannuncia molto complicato per l'emergenza coronavirus. La partita contro la Fiorentina, in cui Conte rilancia Eriksen come playmaker, "rappresenta un trofeo storico, un avversario difficile".

Altre Notizie