Sabato, 16 Gennaio, 2021

Coronavirus, vaccino italiano di Reithera: i dati della fase uno

Il coordinatore del Comitato tecnico-scientifico Agostino Miozzo viene vaccinato con altri 4 componenti del Cts contro il Covid all'ospedale Spallanzani di Roma 4 gennaio 2021 Presentato il vaccino Covid italiano. I primi dati vi stupiranno
Machelli Zaccheo | 09 Gennaio, 2021, 10:05

Poche ore dopo è arrivata la concessione dell'autorizzazione alla commercializzazione da parte dell'Unione europea. La Difesa era stata precedentemente coinvolta solo per la distribuzione delle 9.750 dosi Pfizer in Italia in occasione del V-Day, che si e' svolto in tutta Europa. "Abbiamo autorizzato il vaccino Moderna, il secondo vaccino approvato nell'UE". E domani, 7 gennaio, dovrebbe arrivare il via libera anche dall'Agenzia italiana del farmaco che si riunirà per esaminare il dossier del vaccino.

Uno studio che ha mostrato una riduzione del 94.1% del numero di casi di coronavirus sintomatici nelle persone che hanno ricevuto il vaccino (11 su 14.134 persone vaccinate hanno contratto il Covid-19 manifestando i sintomi) rispetto alle persone che hanno ricevuto iniezioni placebo (185 su 14.073 persone che hanno ricevuto iniezioni placebo hanno contratto il Covid-19 mostrando sintomi).

"Come per tutti i medicinali - ha proseguito Cooke - monitoreremo da vicino i dati sulla sicurezza e l'efficacia del vaccino".

Sebbene il vaccino di Moderna sarà sicuramente di aiuto, soprattutto per rendere immuni in meno tempo possibile le fasce più a rischio, come operatori sanitari e anziani, sarà con l'approvazione del vaccino di Oxford e AstraZeneca che si potrà veramente fare i calcoli su quando si potrà tornare alla normalità. "Il nostro lavoro sarà sempre guidato dalle prove scientifiche e dal nostro impegno a salvaguardare la salute dei cittadini dell'Ue", ha sottolineato a termine del suo intervento Emer Cooke. "E arriveranno altri vaccini", ha scritto la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, in un tweet. Sulle controindicazioni ha dichiarato che "ci sono stati effetti indesiderati nel sito di iniezione, ma assolutamente rientrati senza la necessità di intervento medico e minori rispetto ai vaccini di Pfizer e Moderna".

Così il direttore scientifico dello Spallanzani Giuseppe Ippolito precisando che in questa fase 1 il vaccino Reithera "ha dimostrato di essere sicuro, di avere capacità di indurre risposta immunitaria degli adulti e la risposta è simile a quella di altri vaccini con due dosi". Lo stesso autorizzato il giorno precedente da Ema e Commissione Ue. "Sono orgoglioso del ruolo che Moderna è stata in grado di svolgere a livello globale nell'aiutare ad affrontare questa pandemia".

Altre Notizie