Mercoledì, 24 Febbraio, 2021

Coronavirus, 90enne in Irlanda del Nord prima vaccinata in Gb

Perchè in Italia non ci sono cinesi positivi al coronavirus? Mistero svelato: “sono tornata in Cina ... Il Regno Unito dà il via alle vaccinazioni: «È il miglior regalo di compleanno anticipato»
Machelli Zaccheo | 10 Dicembre, 2020, 06:25

Questa giornata passerà alla storia poichè i primi inglesi sono stati sottoposti al vaccino contro il Covid; si tratta delle fiale prodotte dalla Pfizer.

Il Canada ha dato il via libera al vaccino anti-coronavirus della Pfizer, diventando il secondo Paese dopo il Regno Unito.

"Consiglierei a tutti di farlo, perché a me non ha fatto male, se tutti lo facessero nessuno si ammalerebbe", ha aggiunto la commerciante, che ha però voluto precisare che, a suo avviso, il basso numero di casi di cinesi positivi in Italia non è dovuto solo al vaccino, ma anche ad altri aspetti: "noi stiamo molto attenti, mettiamo sempre la mascherina quando usciamo di casa e non la togliamo mai".

"La prossima settimana sarà un momento storico in quanto inizieremo la vaccinazione contro COVID-19", ha detto il signor Hancock.

Margaret Keenan, di Enniskillen, è stata vaccinata con una puntura alla spalla alle 6.31 all'University Hospital di Coventry, nelle West Midlands, nel centro dell'Inghilterra.

Cinesi immuni al covid, in Campania è arrivato il vaccino da Pechino.

Il rapporto della FDA sottolinea l'affidabilità del nuovo preparato americano-tedesco e rileva che due pazienti su circa 43.000 volontari hanno perso la vita dall'inizio delle sperimentazioni. In tutto le dosi arrivate dal Belgio sinora del vaccino, che va conservato a una temperatura di almeno -70 gradi, sono 800mila, e ogni persona ne riceverà due a distanza di tre settimane.

Il Canada dovrebbe ricevere 249mila dosi del vaccino questo mese e 4 milioni di dosi entro la fine di marzo. I primi a usufruire del vaccino saranno i professionisti sanitari per poi passare alle Rsa e alle persone più anziane e fragili.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Già nel 1957 la sovrana fece pubblicamente vaccinare i figli Carlo e Anna contro la poliomielite per dare un segnale forte di fiducia e incoraggiamento al pubblico.

Altre Notizie