Sabato, 23 Gennaio, 2021

Coronavirus, bollettino di oggi: 21.994 nuovi casi e 221 vittime

Ricciardi e Brusaferro su lockdown a Napoli e Milano: Italia Dati 27/10 Coronavirs 2° ondata : 21.994 nuovi casi in Italia, con oltre 174mila tamponi, 221 vittime
Machelli Zaccheo | 29 Ottobre, 2020, 02:32

"Se ci sono 20-22 nuovi mila casi al giorno si fa fatica a tracciare", ha sottolineato, ricordando che "in tutte le regioni l'indice di contagio Rt è superiore a 1, aumenta il numero dei casi e le risorse fanno fatica a soddisfare il tracciamento", e richiamando al "senso di responsabilità". A sottolinearlo è Silvio Brusaferro, presidente dell'Istituto Superiore di Sanità. L'età mediana delle persone che contraggono l'infezione è oggi di circa 40 anni, nel periodo di picco era 60-70.

Dopo il dottor Walter Ricciardi, medico ed ex presidente dell'Iss, dunque, anche Brusaferro si mostra favorevole ad un lockdown locale che comprenda i comuni dell'area dell'hinterland vesuviano. Il virus e' fuggito, per un contatto tracciato ce ne possono essere dieci ormai di cui non si sa nulla, corre piu' veloce dei tamponi. Per questo i giovani dovrebbero essere particolarmente attenti a proteggerli. A fronte dei numeri in crescita, risulta dunque importante "individuare gli asintomatici", ha sottolineato il presidente Iss, perché "individuare le persone portatrici del virus è la prima frontiera per fermare l'infezione".

C'è poi il "tema dell'appropriatezza. Non a caso le raccomandazioni ministeriali indicano di rimanere in quarantena fino al decimo giorno e poi fare il test. C'è però su questo anche la preoccupazione delle persone che incide". Infine Brusaferro si è concentrato sullo studio Tsunami, una ricerca medica incentrata sull'uso del plasma dei guariti nel trattamento di malati Covid, accanto alle terapie standard. "Al 26 ottobre sono 188 i pazienti inseriti nello studio Tsunami, 79 i centri clinici e 88 i centri trasfusionali coinvolti, distribuiti in 13 regioni", ha spiegato.

"Lo studio - spiega Brusaferro - ha avuto un rallentamento in parte fortunatamente legato al fatto che durante i mesi estivi il numero di casi con indicazione per il trattamento è molto decresciuto".

Intervenuto davanti agli organi di stampa circa la situazione epidemiologica della pandemia del coronavirus, il membro del Cts ha affermato come "il lockdown sia una possibile opzione prevista: si tratta di una misura temporanea che sarebbe certamente utile a contenere la velocità di incremento del numero dei contagi".

Altre Notizie