Lunedi, 25 Gennaio, 2021

Prof decapitato in Francia, incriminati il padre di un'alunna e un islamista

Samuel Paty il professore decapitato in Francia Samuel Paty il professore decapitato in Francia
Evangelisti Maggiorino | 22 Ottobre, 2020, 20:30

L'emozione è ancora viva in Francia e sarà reso dal presidente Emmanuel Macron l'omaggio a Samuel Paty, il professore di storia decapitato venerdì in un episodio di rara violenza che ha scioccato la Francia, mentre sette persone devono comparire durante la giornata davanti a un giudice antiterrorismo per possibili incriminazioni. Un terzo parente, Yussu C., è invece perseguito per "associazione a delinquere terroristica".

Il padre dello studente ha protestato contro Samuel Patty, professore decapitato il 16 ottobre, Lanciando un videomessaggio sui social, aveva scambiato alcuni messaggi su WhatsApp con l'aggressore nei giorni precedenti l'attacco.

Uno studente di 14 anni sarebbe stato avvicinato da Abdullakh Anzorov, l'omicida 18enne, che gli avrebbe offerto 300 euro in banconote in cambio di informazioni sul professore. In un'atmosfera di grande commozione, Macron ha aggiunto, rivolto al feretro, "professore, noi continueremo". Secondo il procuratore, Anzorov avrebbe inoltre comunicato ai due minorenni l'intenzione di "filmare", "umiliare e picchiare" l'insegnante, "costringendolo a chiedere perdono" per aver mostrato le caricature di Charlie. Tutti in carcere tranne Brahim Chnina, fermato in attesa di un dibattito. Durante il fermo, il padre ha detto di non ricordarsi di questi scambi e di aver ricevuto tante telefonate dopo la pubblicazione del video su Youtube. Ha inoltre assicurato di non essere mai stato a conoscenza del progetto di attentato contro l'insegnante di cui oggi si è celebrato l'omaggio nazionale.

Altre Notizie