Lunedi, 30 Novembre, 2020

Pirlo: "Sono sereno, sappiamo cosa fare. Dybala? Si è arrabbiato"

UEFA Champions League Dinamo Kiev Juventus Dinamo Kiev Juventus
Cacciopini Corbiniano | 20 Ottobre, 2020, 11:13

Pirlo dovrà fronteggiare la squadra di Lucescu senza Ronaldo, McKennie (positivi al Covid) e Alex Sandro e De Ligt infortunati.

Prima di mister Pirlo, ha parlato in conferenza stampa il capitano Giorgio Chiellini, che è partito dalle critiche alla difesa a tre: "Sono cambiati i giocatori, gli anni". C'è da migliorare come in tutte le cose - ammette - bisogna fare meno errori possibili.

Andrea Pirlo svela il confronto avuto con Dybala dopo il match contro il Crotone: "Volevo fargli fare qualche minuto, ma poi siamo rimasti in 10".

Dall'altra parte ci sarà il suo ex tecnico, Mircea Lucescu: "Il mio primo allenatore - ricorda - mi ha portato in prima squadra a 15 anni e fatto esordire a 16".

"Ci ho parlato, era un po' arrabbiato per non aver giocato a Crotone, però dobbiamo ricordarci che non gioca da tre mesi". E' stato 10 giorni in camera in Argentina prendendo antibiotici. Per noi è stato difficile preparare questa partita in poco tempo, visti i molti impegni delle nazionali. I dubbi non mancano, né sugli esterni, con Chiesa pronto al debutto in Champions e al riscatto dopo l'espulsione di sabato sera, né sui due mediani: "Non abbiamo registi e sono convinto che questa sia la soluzione migliore" chiosa Pirlo, che ha chiara in mente la costruzione del suo 3-4-1-2 in fase offensiva, ma ha bisogno di mattoni e di braccia per erigerlo più in fretta possibile. E, proprio tra le linee, potrebbe agire Ramsey, il quale "sta meglio, si è allenato negli ultimi due giorni e speriamo di averlo a disposizione per domani".

DUE TRASFERTE - "Abbiamo perso dei punti".

DYBALA - "E' un giocatore fondamentale per noi, è un campione e non lo scopro io ora che sono diventato allenatore della Juve". Non sta giocando perché non è mai stato bene e non si è mai potuto allenare con continuità. È tornato da poco e non è al top di condizione. Possono giocare con il 4-4-2 o 3-4-2-1, ma la motivazione e la disciplina dei giocatori sono gli elementi chiave, non il sistema. "E' un attaccante quindi se sta vicino alla porta è meglio, ma può giocare in tutte le posizioni". Abbiamo buone sensazioni, abbiamo voglia di giocare e di riscattare il passo falso di Crotone.

Altre Notizie