Venerdì, 23 Ottobre, 2020

Covid, crescono ricoveri in ospedale e terapie intensive. A Fossato due guariti

Aumentano in modo esponenziale i ricoveri Covid nelle terapie intensive Aumentano in modo esponenziale i ricoveri Covid nelle terapie intensive
Machelli Zaccheo | 18 Ottobre, 2020, 09:56

Ma negli ospedali e nelle cliniche della Germania ci sono ancora 9 mila posti di terapia intensiva ancora non occupati. È quanto emerge dalla 24ma puntata dell'Instant Report Covid-19, iniziativa dell'Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell'Università Cattolica di confronto sistematico dell'andamento della diffusione del Sars-COV-2 a livello nazionale. In questa Regione, quindi, si stanno utilizzando i posti letto di terapia intensiva in dotazione strutturale per rispondere alle esigenze dei malati Covid -19. Si tratta dell'Abruzzo che ha saturato il 150% dei posti letto aggiuntivi effettivamente implementati.

Riguardo alle assunzioni Altems rimarca poi come "le regioni non in piano di rientro hanno dedicato il 48% dei nuovi posti a specializzazioni mediche legate all'emergenza COVID-19 (Anestesia e rianimazione; malattie apparato respiratorio; malattie infettive; medicina d'urgenza; medicina interna; microbiologia e virologia; sanita pubblica) ed il restante 52% ad altre specialità".

"Dobbiamo considerare che le attuali dotazioni di terapia intensiva (e il relativo personale) devono essere sufficienti per i pazienti Covid ma anche per quelli non Covid". Il governo attraverso il commissario Arcuri ha inviato 231 ventilatori per le terapie intensive e 167 per le sub intensive.

"Prima dell'emergenza sanitaria il rapporto in Italia tra anestesisti e rianimatori e posti letto di TI era di 2,5".

3 in più si trovano in terapia intensiva per complessivi 15 pazienti. È questo uno dei principali indicatori della (vera) crisi, mentre da più parti si lamenta il fatto che in questi nove mesi di emergenza non si è fatto abbastanza: né nell'ampliare il numero dei posti letto, né nel mettere mano alla medicina territoriale. "Al contrario, Veneto e Molise registrano il decremento minore passando rispettivamente da 1.9 a 1.6 e da 2.0 a 1.7".

Altre Notizie