Venerdì, 23 Ottobre, 2020

MotoGP, Il TAS: la sentenza di Andrea Iannone arriverà a metà novembre

MotoGP, il Tas prende tempo su Iannone: sentenza solo a metà novembre - Sportmediaset MotoGP. Andrea Iannone e il caso doping: la decisione a metà novembre
Cacciopini Corbiniano | 18 Ottobre, 2020, 05:35

Bisognerà infatti aspettare ancora un mese, fino a metà novembre per conoscere la decisione dei giudici.

Nel controllo effettuato durante la gara di Sepang dello scorso 3 novembre nelle urine del pilota abruzzese erano state trovate tracce di drostanolone, sostanza classificata sotto la sezione 1.1.a del regolamento come steroide anabolizzante androgeno di provenienza esogena (AAS).

La difesa chiede l'assoluzione totale, avendo dimostrato la contaminazione alimentare, mentre la Wada chiede addirittura quattro anni, ovvero la squalifica fino a dicembre 2023.

Andrea Iannone sta vivendo uno dei periodi più bui della sua carriera da pilota. Gli arbitri si sono poi riuniti in camera di consiglio per emettere la sentenza sui ricorsi del pilota e della Wada in merito alla squalifica di 18 mesi comminata in primo grado, decidendo poi di prendersi ulteriore tempo per decidere. Lo ha comunicato ufficialmente, e tramite un comunicato, lo stesso Tas dopo l'udienza che si è tenuta venerdì (ufficializzando, quindi, quanto meno la fine della stagione 2020 per l'italiano).

Il panel degli arbitri ora delibererà e finalizzerà la sua decisione. Si prevede che sarà notificato entro metà novembre 2020 e sarà annunciato sul sito web del TAS.

Il procedimento riguarda la decisione presa dal Tribunale Disciplinare Internazionale della FIM il 31 marzo 2020, con la quale Andrea Iannone è stato dichiarato colpevole di una violazione delle regole antidoping e gli era stato imposto un periodo di sospensione di 18 mesi.

Altre Notizie