Venerdì, 30 Ottobre, 2020

Huawei sta trattando per la vendita del suo brand Honor

Huawei in trattative per vendere parte di Honor Huawei: media, tratta vendita brand Honor per 3,1 mld
Acerboni Ferdinando | 17 Ottobre, 2020, 17:42

Huawei è pronta a vendere Honor.

Le difficoltà che il Governo USA sta causando a Huawei vanno molto più a fondo dell'impossibilità di vendere i propri smartphone negli USA (e di usare Android con i GMS) o di non poter partecipare alle aste per le infrastrutture di rete 5G negli USA.

'Liberare' e non 'liberarsi', perché Honor sta subendo 'de relato' le conseguenze della guerra scatenata dalla Casa Bianca contro Huawei. L'accordo potrebbe comprendere la cessione del marchio Honor con le relative attività della divisione ricerca e sviluppo e di gestione della catena dei fornitori.

Al momento ci sarebbero alcuni soggetti interessati all'acquisto: Digital China Group, TCL e Xiaomi per citare i più importanti.

Secondo Reuters, quella della vendita sarebbe più che un'ipotesi, tanto che Huawei sarebbe già in trattative con Digital China (che non a caso è distributore di Honor) per un passaggio di mano del valore di 3,7 miliardi di dollari.

Il noto analista Ming-Chi Kuo, che in passato ha sempre condiviso informazioni attendibili sui "movimenti di mercato" delle varie aziende con largo anticipo, ha spiegato che se Honor potesse agire in maniera indipendente rispetto a Huawei potrebbe sottrarsi alle restrizioni decise dall'amministrazione Trump e acquistare componenti senza alcun limite.

Il motivo per cui Huawei non venderebbe la sua quota smartphone è che top di gamma come la serie P e la serie Mate (a giorni è attesa la presentazione del nuovo Mate 40 senza i Google mobile services e, soprattutto, forse l'ultimo a montare il processore proprietario Kirin) hanno ancora un ottimo mercato in Cina, ma anche in Russia e i tutti quei Paesi asiatici in cui l'assenza delle app di Google non è vissuta come un particolare handicap.

Altre Notizie