Venerdì, 30 Ottobre, 2020

Attende 7 mesi ma realizza il suo sogno: visitare il Machu Picchu

Machu Picchu Machu Picchu
Evangelisti Maggiorino | 15 Ottobre, 2020, 14:35

Dopo sette lunghi mesi, Jesse Katayama, 26enne giapponese, è riuscito nella sua impresa. Al termine dei quali, il ragazzo è stato il primo turista ad entrare nel patrimonio Unesco dell'Umanità, ancora chiuso ai turisti.

Ha aspettato sette mesi lontano da casa sua, in Perù, alle porte di Machu Picchu, per poter visitare il sito archeologico che gli aveva chiuso le porte a marzo, a causa della quarantena di Covid.

Il lockdown - Al repentino crescere dei casi, le autorità hanno deciso di far scattare un lockdown nazionale.

Jesse è arrivato nel villaggio il 14 marzo, alla vigilia del blocco del paese. "Sono rimasto con l'unico scopo di visitare questa meraviglia e non volevo andarmene senza farlo". "Questo è veramente incredibile, grazie", ha dichiarato il giovane - che ha postato su Instagram le sue foto - in un video girato in cima alla montagna del Machu Picchu.

Ieri, le autorità di Cusco gli hanno permesso di essere il primo turista straniero ad entrare a Machu Picchu da quando è iniziata la pandemia di coronavirus, che in Perù ha provocato 849'371 casi con 33'305 morti.

La riapertura - Il sito archeologico dovrebbe riaprire ufficialmente ai turisti a novembre, dopo un primo tentativo non andato a buon fine a causa della rapida crescita dei contagi nella regione di Cusco, dove si trova la cittadella.

Altre Notizie