Domenica, 20 Settembre, 2020

AstraZeneca riprende i test sul vaccino in Gran Bretagna

Coronavirus, ripresa sperimentazione del Vaccino creato tra Oxford e la Irbm di Pomezia Vaccino Coronavirus, AstraZeneca riprende i test. Si riaccende la speranza
Machelli Zaccheo | 14 Settembre, 2020, 08:23

L'indagine del Comitato indipendente si è conclusa e, dunque, seguendo le raccomandazioni degli esperti e della Medicines Health Regulatory Authority (Mhra), l'ente regolatorio britannico che ha dato l'ok non rilevando problemi di sicurezza, i trial clinici ricominceranno in tutto il Paese, annuncia l'università di Oxford in comunicato. Una notizia importante anche per l'Italia considerato che l'Irbm di Pomezia è coinvolto nella realizzazione del vaccino. Ma serve ancora tanta prudenza.

"Siamo lieti che Astrazeneca abbia ripreso le sue sperimentazioni e continui ad andare avanti nella ricerca".

I test erano stati interrotti mercoledì sorso dopo che un volontario aveva avuto una grave reazione avversa.

L'azienda farmaceutica ha stimato che è ancora possibile avere il vaccino entro la fine dell'anno o all'inizio del 2021. "Nel frattempo la vera chiave continuano ad essere i comportamenti di ciascuno di noi".

Lo stop dell'arruolamento era avvenuto solo "temporaneamente" ed in via "precauzionale". Finora sono circa 18 mila i volontari ai quali è stato somministrato il vaccino: il 60% di questi hanno manifestato effetti collaterali non gravi. "La differenza fondamentale tra un farmaco e un vaccino è che il secondo deve essere assolutamente sicuro". Inoltre, prosegue Mantovani, per nessuno dei vaccini attualmente in fase di sperimentazione "ci sono evidenze scientifiche in merito alla durata della risposta immunitaria e alla durata della protezione garantita dal vaccino stesso, né sappiamo se ci sia un effetto protettivo nei soggetti più deboli a partire dagli anziani". E adesso la sperimentazione può riprendere in piena sicurezza.

Altre Notizie