Domenica, 20 Settembre, 2020

Borsa Italiana, Cdp ed Euronext scaldano ufficialmente i motori

Borsa Italiana è gara a tre fra Euronext Six e Deutsche Boerse Borsa italiana: offerte da Six e Deutsche Börse
Esposti Saturniano | 13 Settembre, 2020, 14:22

Lo scorso 21 agosto avevano presentato un'offerta per Mts, la piattaforma elettronica per la trattazione all'ingrosso di titoli obbligazionari europei a reddito fisso, mentre lunedì prossimo a Londra dovrebbe arrivare una seconda proposta, ad hoc per Borsa Spa.

E' ufficiale: nella partita con il London Stock Exchange, che detiene il 100% di Borsa italiana, entra ufficialmente la cordata formata da Cassa Depositi e Prestiti e da Euronext, che gestisce le piazze di Amsterdam, Bruxelles e Parigi. La scadenza era fissata per oggi, ma le due società hanno chiesto qualche giorno di tempo per effettuare una due diligence più approfondita.

"I Consigli di Amministrazione di CDP e CDP Equity - si legge in una nota di CDP - hanno deliberato di procedere congiuntamente con Euronext alla presentazione di un'offerta non vincolante per Borsa Italiana in collegamento con il processo di vendita avviato dal London Stock Exchange Group". La LSE ha detto che ci potrebbero essere "potenziali benefici" dalla vendita delle attività insieme.

Nei giorni scorsi, il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri ha detto in relazione all'operazione che si auspica che "il gruppo Borsa italiana trovi la sua collocazione strategica all'interno del Mercato Unico e dell'Eurozona". "È quanto si legge in un comunicato del gruppo, in cui si spiega che" ulteriori annunci saranno fatti se e quando sarà appropriato". "Il governo deve lavorare con tutte le parti interessate, non solo con i francesi, per aderire all'offerta che risponde meglio alle esigenze delle aziende italiane". Attualmente in gioco, secondo l'articolo di Alice Scaglioni, sarebbero presenti Euronext-Cdp con l'aggregrazione nella cordata di IntesaSanpaolo, la società svizzera Six, già acquirente della Borsa di Madrid e che avrebbe la possibiltà di garantire autonomia e investimenti a Piazza Affari e infine Deutsche Borse.

Le istituzioni, ha ricordato l'esponente dell'esecutivo, "valuteranno, secondo le proprie competenze, i progetti di investimento che saranno configurati".

Altre Notizie