Martedì, 20 Ottobre, 2020

Bonus Pos: c’è il codice tributo per il credito d’imposta

Ecobonus: come accompagnare i clienti i crediti d'imposta Bonus POS, arriva il codice tributo per i pagamenti con carta. Ecco tutti i dettagli!
Esposti Saturniano | 07 Settembre, 2020, 11:25

A partire dal 1 settembre 2020 e fino al 30 settembre 2020 è aperto il termine per presentare le domande per l'accesso al credito d'imposta sugli investimenti pubblicitari previsto dall'articolo 57-bis del decreto legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito con modificazioni dalla legge 21 giugno 2017, come successivamente modificata.

Rispetto allo scorso anno 2019, è stato abolito dal Decreto Rilancio il requisito che prevedeva l'incremento dell'1% degli investimenti pubblicitari realizzati nell'anno precedente rispetto a quelli dell'anno di riferimento. "Nel caso in cui l'ammontare complessivo dei crediti d'imposta richiesti risulti inferiore al limite di spesa, la percentuale è pari al 100%".

Lo stanziamento è pari a 85 milioni (50 milioni per inserzioni sui giornali e siti, i restanti 35 milioni per spot su tv e radio). Possono beneficiare del bonus i soggetti titolari di reddito d'impresa o di lavoro autonomo, i professionisti, gli enti non commerciali e le imprese. Per presentare la domanda è necessario accedere al sito dell'Agenzia delle Entrate tramite SPID, Carta Nazionale dei Servizi oppure tramite le credenziali Entratel o Fisconline. I criteri e le modalità per accedere ai crediti d'imposta e per la relativa cessione sono stati definiti con il provvedimento del 10 luglio 2020. Le domande potranno essere presentate telematicamente nel periodo compreso tra il primo e il 30 ottobre 2020. La comunicazione sarà quindi trasmessa per via telematica al Dipartimento per l'Informazione e l'Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri che provvederà a stilare un elenco dei beneficiari del credito di imposta da utilizzare in compensazione sul modello F24.

Getty Images
Getty Images

Bonus POS: c'è il codice tributo per il credito d'imposta sui pagamenti con carta. Il modello può essere scaricato sul sito dell'Agenzia delle Entrate.

Pertanto, gli esercenti che possono ricevere il Bonus Pos, dovranno comunicare all'Agenzia delle Entrate tutte le informazioni richieste al fine di permettere la verifica dei requisiti. Restano tuttavia escluse dal beneficio le seguenti riferibili a vendite di spazi pubblicitari nei palinsesti volti alla promozione di televendite di beni e servizi; le spese effettuate per promuovere servizi pronostici, giochi o scommesse o comunque tutto l'ambito che riguarda la vincita di denaro; le spese accessorie, di intermediazione o comunque le spese non inerenti all'acquisto dello spazio pubblicitario.

Altre Notizie