Mercoledì, 21 Ottobre, 2020

Conto alla rovescia per le stelle cadenti nella notte di San Lorenzo

Astronomia - SPETTACOLO NELLE PROSSIME NOTTI, tra STELLE CADENTI e CONGIUNZIONI, cosa c'è da sapere San Lorenzo: meno 48 ore alla notte delle stelle cadenti
Acerboni Ferdinando | 11 Agosto, 2020, 03:23

Non sarà la notte tra 10 e 11 agosto la più popolata dalle perseidi secondo gli astronomi.

Le cosiddette stelle cadenti sono in realtà piccoli corpi celesti che, attirati dalla gravità, entrano in collisione con l'atmosfera terrestre e di conseguenza bruciano completamente sgretolandosi: la conseguente coda luminosa genera il caratteristico fascio di luce nel cielo notturno.

Le frasi sulle stelle cadenti sono quindi moltissime.

Una stella cadente non serve ad esaudire un desiderio. In Sicilia ad esempio l'Organizzazione Ricerche e Studi di Astronomia il 12 agosto organizza all'Osservatorio di Ventimiglia di Sicilia (Pa) un evento dedicato all'osservazione delle stelle cadenti e delle costellazioni estive, mentre in Puglia saranno disponibili i telescopi dalla Società Astronomica Pugliese il 10, 11 e 12 agosto presso l'Osservatorio Astronomico della Murgia nel Borgo Solinio di Cassano delle Murge (Ba).

Se avete deciso che la sera del 10 agosto (anche se il picco è previsto il giorno dopo) manderete un messaggio con una bella frase sulla notte di San Lorenzo e le stelle cadenti a una persona speciale, probabilmente sarete alla ricerca della giusta ispirazione.

Milano - In questo 2020 segnato dall'emergenza Covid-19, chissà quanti desideri da esprimere. "Quest'anno le condizioni per osservare lo sciame sono più che favorevoli, visto che il disturbo della luce lunare sarà modesto", spiega Paolo Volpini, dell'Unione astrofili italiani (Uai). D'altro canto è inutile utilizzare binocoli o telescopi perché questi riducono la porzione di cielo che si riesce a vedere.

Come lo stesso nome Perseidi lascia intendere, per avere maggiori possibilità di vedere la propria stella cadente, è conveniente rivolgere lo sguardo verso la costellazione di Perseo, circa a nord-est, al di sotto della costellazione di Cassiopea.

Un consiglio interessante, offerto sempre dalla Nasa, è quello di restare a guardare il cielo per almeno mezz'ora, così da "abituare" gli occhi al buio.

Altre Notizie