Giovedi, 01 Ottobre, 2020

Belgio, è arrivata la seconda ondata

In Belgio è arrivata la seconda ondata Coronavirus Belgio, la seconda ondata Covid è arrivata, ma sembra meno grave
Evangelisti Maggiorino | 06 Agosto, 2020, 14:20

Dopo i casi di Spagna, Germania e Francia, l'Europa si preoccupa anche per il Belgio che ufficializza l'entrata nella nuova seconda ondata di Coronavirus.

"Non sappiamo quanto durerà e quanto saliranno le curve", afferma Steven Van Gucht, presidente del comitato scientifico sul coronavirus dell'Istituto di sanità, Sciensano, secondo quanto riportano on line i quotidiani belgi. "Il coronavirus non sparirà - ha ammesso - ma in futuro si comporterà come un'infezione benigna". "E' chiaro - spiega l'esperto - che noi siamo nella seconda ondata". Il numero di infezioni è in aumento e non si tratta un piccolo aumento.

"Tuttavia - aggiunge Van Gucht - questa seconda ondata potrebbe non avere conseguenze drammatiche: le misure messe in atto dal Consiglio di sicurezza nazionale possono funzionare". In Belgio, in media tra il 25 e il 31 luglio, sono stati registrati 517,1 casi al giorno contro di me 311,4 dalla settimana precedente. Ad oggi, in Belgio (che ha 11,4 milioni di abitanti), ci sono stati 70 mila casi e poco meno di 10.000 morti.

Per quanto riguarda invece i contagi, con i 4.824 localizzati negli ultimi test, hanno raggiunto quota 206.743, collocando l'Argentina al sesto posto fra le Nazioni latinoamericane.

Altre Notizie