Venerdì, 25 Settembre, 2020

Bonus Pos da agosto: agevolazioni per chi paga con carta

Arriva il bonus per chi acquista con bancomat e carte di credito Coronavirus: cos’è il Bonus Pos, lo sconto per chi paga con la carta
Esposti Saturniano | 05 Agosto, 2020, 17:22

Previsti incentivi al momento dell'acquisto per chi paga con la carta di credito e con il bancomat.

Nel decreto Agosto, il bonus sarebbe legato ai pagamenti con il Pos in bar e ristoranti, idem per abbigliamento o elettrodomestici, tra i settori più in sofferenza.

Per rilanciare i consumi ci sarà a contribuire anche la nuova rottamazione auto che è stata già vara ed vanta 3 mila prenotazioni e sarà portata da 50 a 500 milioni di euro.

Sempre fino al 31 dicembre per i datori che assumono lavoratori a tempo indeterminato, scatta l'esonero totale dal versamento dei contributi previdenziali a loro carico per un massimo di sei mesi (con esclusione dei premi e contributi dovuti all'Inail), a condizione però che le assunzioni comportino un incremento occupazionale netto.

Il meccanismo del bonus-consumi, oggetto di una riunione domenicale al ministero del tesoro, prevede di condizionare l'incentivo agli acquisti all'utilizzo di carte di credito e bancomat, ritenute utili per favorire la tracciabilità e la lotta al "nero". Anche se resta ancora da affinare il meccanismo: le ipotesi spaziano da una card a un rimborso direttamente al contribuente. La singola misura varrà 3 miliardi di euro e dovrebbe scattare quest'anno con i primi rimborsi al febbraio del 2021.

Allora si pensava ad un ristoro di una percentuale dell'Iva con un credito d'imposta o una detrazione da ottenere l'anno successivo.

Da definire anche i settori che la misura investirà. L'idea di aiutare gli esercenti si incrocia con quella del ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, di sostenere i centri storici delle città d'arte, semi-deserti per l'assenza dei turisti stranieri ma anche per il persistere dello smart working diffuso.

L'intero decreto riserverà circa dieci miliardi alla cassa integrazione e due alle altre misure per il lavoro, quattro al fisco, 1,3 alla scuola, 4-5 a Comuni e Regioni e un miliardo al fondo di garanzia delle Pmi. La ministra dell'Agricoltura Teresa Bellanova mira a incentivare gli acquisti di prodotti italiani da parte dei commercianti, fino a cinquemila euro.

Altre Notizie