Martedì, 04 Agosto, 2020

Van Gogh, un'antica cartolina svela il luogo esatto dove dipinse l'ultima opera

Svelato il segreto dell’ultimo quadro di Van Gogh Shutterstock Svelato il segreto dell’ultimo quadro di Van Gogh
Deangelis Cassiopea | 31 Luglio, 2020, 11:54

Come riporta la Cnn, un altro indizio che potrebbe confermare la convinzione di van der Veen risiede nelle parole del cognato del fratello di Vincent, Theo, che in una lettera racconta come "la mattina prima della sua morte" Van Gogh avesse "dipinto una scena boschiva piena di sole e di vita".

A Auvers-sur-Oise, uno dei massimi specialisti mondiali di Van Gogh, Wouter van der Veen, ha individuato il luogo che potrebbe aver ispirato l'ultima opera di Van Gogh: Radici d'albero. Il villaggio a nord di Parigi dove lui morì il 29 luglio 1890.

Attualmente protette da una griglia, le "radici d'albero" immortalate dal genio olandese verranno presto svelate al pubblico e inserite negli itinerari turistici della cittadina. Sullo schermo - ha raccontato a Le Parisien - ce n'era una con un ciclista fermo sul lato di un sentiero, oggi la rue Daubigny. Il ricercatore ne ha una copia (digitalizzata) sul pc, e lo scorcio che ritrae gli è parso subito famigliare: ai suoi occhi, rievocava abbastanza da vicino quanto ritratto da Van Gogh nel suo ultimo quadro, "Radici d'albero", realizzato proprio in quella città nel 1890. Una caratteristica tipica della vegetazione di quei luoghi a cui Van Gogh era, seppur costretto, assai legato e a cui donava luminosità, colore e vivida personalità. Secondo van Der Veen, inoltre, "ogni elemento di questo misterioso dipinto puo' essere ritrovato e compreso attraverso l'osservazione attenta della cartolina: la forma del fianco della collina, le radici degli alberi e la loro relazione reciproca, la presenza di una ripida parete calcarea". Per poi aggiungere come "la luce del sole dipinta da Van Gogh" indichi "che le ultime pennellate sono state dipinte verso la fine del pomeriggio, il che fornisce ulteriori informazioni sul corso di questa drammatica giornata che si è conclusa con il suo suicidio".

"Quel quadro - continua il direttore - è stato dipinto il giorno stesso della morte di Van Gogh che lavorava nei pressi dell'auberge Ravoux, dove aveva una stanza". E che sia poi ripassato dalla pensione per lasciare il quadro per poi uscire ancora una volta. "Una situazione molto distante dall'immagine di un uomo ubriaco, in preda ad una crisi di follia" ha concluso il direttore.

Altre Notizie