Mercoledì, 30 Settembre, 2020

Contributo a fondo perduto: nel Lazio presentate 105mila richieste

Contributi a fondo perduto Dl Rilancio: in provincia di Genova erogati oltre 33 milioni Contributo a fondo perduto, in Veneto presentate 106mila richieste: 73mila già pagate per 272 milioni di euro
Esposti Saturniano | 12 Luglio, 2020, 13:45

Andando più nel dettaglio, relativamente alle tipologie di attività per cui è stato richiesto il contributo emerge che sono quasi 43mila le domande presentate dal comparto "commercio all'ingrosso e al dettaglio e riparazione di autoveicoli e motocicli", oltre 164mila da quello dei "servizi di alloggio e di ristorazione", 162mila dal comparto "lavori di costruzione", oltre 143mila dalle "attività manifatturiere", 42mila dalle "agenzie di viaggio", 40mila dal comparto "trasporto e magazzinaggio" e più di 35mila dalle "attività immobiliari".

Di queste: 16.708 domande sono arrivate dalla provincia di Lecce - seconda per numero di richieste - per un totale di 29milioni di euro, 9.469 richieste per 18milioni da Taranto, 6.383 per 11milioni da Brindisi.

Le somme sono accreditate direttamente sui conti correnti di imprese, commercianti e artigiani.

Ai "soggetti per i quali la partita Iva è stata cessata" non è concesso il contributo, se l'attività è cessata alla data di presentazione dell'istanza, come chiarito dall'Agenzia delle entrate con la circolare 15/E/2020. La maggior parte delle istanze si registrano nella provincia di Catania, con 18.388 richieste e un contributo erogato pari a 37,8 milioni di euro.

Il Dl Rilancio ha previsto l'erogazione di un contributo a fondo perduto, cioè senza alcun obbligo di restituzione, a favore delle imprese e delle partite Iva colpite dalle conseguenze economiche del lockdown.

C'è tempo fino al 13 agosto - I contribuenti interessati sono ancora in tempo per richiedere il contributo. La quota scenderà al 15% se i ricavi e i compensi dell'anno 2019 non superano la soglia di un milione di euro, fino al 10% se i ricavi e i compensi dell'anno 2019 non superano la soglia di 5 milioni di euro. La domanda, infatti, può essere presentata fino al 24 agosto. Per predisporre e trasmettere l'istanza, si puo' usare un software e il canale telematico ENTRATEL/FISCONLINE O UNA SPECIFICA PROCEDURA WEB NELL'AREA RISERVATA DEL PORTALE FATTURE E CORRISPETTIVI.

L'ammontare del contributo è pari al 20% del calo del fatturato di aprile, se i ricavi e i compensi dell'anno passato sono inferiori o pari a 400.000 euro; al 15%, se i ricavi e i compensi dell'anno passato superano i 400.000 euro, ma non l'importo di 1 milione di euro; al 10%, se i ricavi e i compensi dell'anno passato superano 1 milione di euro, ma non l'importo di 5 milioni euro. Il contributo è comunque riconosciuto per un importo non inferiore a mille euro per le persone fisiche e a 2mila euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche. All'interno dell'area dedicata del sito internet dell'Agenzia, oltre al modello di richiesta per accedere al contributo e alle relative istruzioni, è disponibile anche una guida scaricabile, che spiega passo passo le indicazioni utili per richiedere il contributo, illustrando le condizioni per usufruirne, l'entità, il contenuto dell'istanza, le modalità di predisposizione e di trasmissione.

Altre Notizie