Lunedi, 03 Agosto, 2020

Allegri: "Per la Juve ho detto no al Real"

Allegri sul progetto Milan Massimiliano Allegri
Cacciopini Corbiniano | 06 Luglio, 2020, 15:55

"In questi mesi ho ricaricato le batterie - racconta -, mi sono goduto la famiglia e la mia città, Livorno, con gli amici di sempre: ora sto cercando un club con cui condividere un progetto e che abbia l'ambizione di competere per vincere. Italia o estero non è importante". Sfortunatamente, penso che ci sia ancora molta strada da fare. È infatti scaduto il contratto da 7 milioni l'anno che lo legava alla Juventus, con la quale ha vinto la bellezza di 11 trofei in 5 anni, sfiorando anche la tanto agognata Champions League.

Sul Milan, al quale è stato recentemente di nuovo accostato: "Ha bisogno di un progetto forte e continuo".

Ovviamente, gli viene chiesto della Liga.

Sul 'no' al Real Madrid di qualche tempo fa: "Due anni fa ci fu un contatto ma non accadde nulla perché avevo un contratto con la Juventus".

Allegri prosegue parlando del campionato italiano: "La Juve è costruita per vincere e vincere ancora".

Se da un lato Allegri elogia Pep Guardiola e Luis Enrique "due tra gli allenatori che ammiro di più", uno spazio particolare lo riserva ad un ex bianconero, oggi saldamente in sella al Real Madrid che in Liga ha prima raggiunto e poi superato di slancio il Barcellona nella lotta per il titolo: "Di Zizou ammiro soprattutto la forza che ha avuto nel cercare l'equilibrio indispensabile in una squadra così piena di classe e talento. Credo che festeggeranno ancora tanti successi".

Altre Notizie