Giovedi, 24 Settembre, 2020

Vandalizzata la statua della Sirenetta, sull'opera la scritta "pesce razzista"

Vandalizzata la Sirenetta pesce razzista EPA MADS CLAUS RASMUSSEN Vandalizzata la Sirenetta pesce razzista
Evangelisti Maggiorino | 05 Luglio, 2020, 13:35

Non è la prima volta che la statua viene vandalizzata. "Racist fish" è la scritta apparsa nella notte, a Copenaghen, e che ha imbrattato lo scoglio su cui poggia la figura della Sirenetta, uno dei personaggi di punta dello scrittore Hans Christian Andersen e simbolo della capitale danese. Nonostante - secondo quanto riportato dalla Associated Press - al momento non vi siano rivendicazioni, appare evidente come il gesto sia pienamente da inscrivere in questa ondata di demenza ideologica che sta colpendo statue, monumenti e opere d'arte in tutto il mondo con il pretesto della lotta al razzismo. Nel cartone animato Disney (1989) compare un pesciolino nero che ha le fattezze delle caricature degli afroamericani; ma in una riscrittura della fiaba di un anno fa, che ha comunque destato polemiche in senso opposto, la stessa Disney ha fatto interpretare la Sirenetta all'attrice di colore Halle Bailey. Intervistato dalla tv danese, l'esperta dell'opera di Andersen, Ane Grum-Schwensen, ha spiegato che la storia della Sirenetta non contiene allusioni razziste.

C'è comunque da dire che la statua, che ha oltre 100 anni di vita, è stata spesso presa da mira di vandali, che l'hanno imbrattata e persino danneggiata, staccandole un braccio e rubandone persino la testa. A gennaio, attivisti pro democrazia avevano imbrattato la sirena con la scritta "Free Hong Kong" contro il governo centrale di Pechino. Costruita in bronzo, è alta un 1 metro e 25.

Altre Notizie