Mercoledì, 30 Settembre, 2020

Fontana e Fase 2 in Lombardia: cittadini disciplinati, ma troppi ‘apericena’

Fontana e Fase 2 in Lombardia: cittadini disciplinati, ma troppi ‘apericena’ Fontana e Fase 2 in Lombardia: cittadini disciplinati, ma troppi ‘apericena’
Evangelisti Maggiorino | 22 Mag, 2020, 23:24

Sono 57, invece, i decessi nelle ultime 24 ore: ieri erano stati 65, con un totale di 15.784 persone ufficialmente positive al tampone morte. "A Milano come in tutta la Lombardia". A questo punto, dunque, il Covid ha contagiato 86.384 persone. In terapia intensiva ci sono 13 in meno da ieri, per 231 letti occupati, e diminuiscono ancora gli ospedalizzati: sono 145 in meno, per 4.281 pazienti ricoverati.

La Regione Lombardia ha modificato le linee guida del governo sui ristoranti cancellando la possibilità di stare vicini a meno di un metro per i familiari.

Concluso lo screening degli ospiti delle Rsa, sono stati fatti 57mila tamponi, tra chi l'ha fatto una volta e chi una seconda volta.

Fontana e Fase 2 in Lombardia: cittadini disciplinati, ma troppi ‘apericena’

L'avvertimento del governatore Fontana era già arrivato: "Ci sono attività sulle quali non riusciamo ad avere una convinzione sufficiente: troppi 'apericena', troppi bar sommersi di persone e questo non va assolutamente bene".

"Da lunedì 11 abbiamo introdotto, con una nuova fase, una strada di sorveglianza molto tempestiva delle condizioni dei nostri concittadini. Se queste regole non vengono rispettate e la gente si ammassa in un bar è chiaro che purtroppo non potremo continuare a lasciare quella libertà" ha spiegato Fontana. "Se oggi si vedono meno casi gravi è in gran parte dovuto all'uso di mascherine perché riducono la quantità di virus che viene trasmesso".

Stabili i nuovi casi di Covid, oggi 652, dieci in più di ieri, mentre i decessi scendono da 156 a 130. Di questi, 14.430 sono risultati positivi, vale a dire il 34%. Percentuale che sale al 29% nel bergamasco, al 17% nel Bresciano, e che si attesta al 9% a Milano.

Altre Notizie