Lunedi, 25 Mag, 2020

Prima e dopo il coronavirus. Le foto choc dell'infermiere americano

Prima e dopo il coronavirus. L’infermiere 43enne intubato per un mese: ecco cosa succede al corpo Prima e dopo il Coronavirus, “ecco come ha ridotto il mio corpo in 30 giorni di intubazione”
Machelli Zaccheo | 22 Mag, 2020, 16:54

Il selfie di un infermiere, prima e dopo il ricovero per Coronavirus, ha fatto il giro del mondo: Mike Schultz, 43enne di San Francisco, ha condiviso un post su Instagram per mostrare gli esiti delle 6 settimane in cui è stato intubato a causa dell'infezione. Poi è peggiorato: difficoltà respiratorie e febbre alta, fino alla decisione dei medici di intubarlo. Quando si è svegliato, era in un altro ospedale, più grande, dove era stato trasferito per potergli assicurare cure migliori. "Volevo mostrare a tutti quanto possa essere duro stare in terapia intensiva per settimane", ha scritto nella didascalia che accompagna le foto, "il coronavirus ha ridotto le mie capacità polmonari, ma ora divento ogni giorno più forte". Dopo altri dieci giorni di convalescenza in ospedale, l'infermiere è stato dimesso. Subito dopo essere stato ricoverato, ha potuto esaudire un desiderio che covava a lungo, dopo ben 57 giorni di malattia: hamburger e milkshake da McDonald's.

Un uomo ha scattato in California delle foto che lo ritraggono prima e dopo il coronavirus.

Come mostrano le immagini condivise da Mike, prima del ricovero pesava circa 86 chili e si allenava tutti i giorni. "Se pensi di essere troppo giovane per essere colpito, ripensaci". Il post si chiude con una battuta: "Magari potrei anche iniziare a fare cardio!".

Shultz, scrive Huffington Post, ha contratto il virus senza avere alcuna patologia cronica, era uno sportivo, perfettamente in salute: "Pensavo di essere abbastanza giovane da farla franca, e so che molta gente pensa la stessa cosa".

Intervistato da BuzzFeed News, ha dichiarato di aver pubblicato quelle foto per un preciso motivo: "Volevo dimostrare che può succedere a chiunque. Non importa se sei giovane o vecchio o se hai condizioni mediche pre-esistenti, può comunque colpirti".

Altre Notizie