Lunedi, 25 Mag, 2020

Bazooka Merkel-Macron: aiuti Ue per 500 miliardi. Cento destinati all'Italia (La Repubblica)

Dombrovskis con Recovery fund anche strumento per riforme Dombrovskis con Recovery fund anche strumento per riforme +CLICCA PER INGRANDIRE
Evangelisti Maggiorino | 19 Mag, 2020, 17:25

Bruxelles però presenterà anche "uno strumento per la ripresa e la resilienza che si concentra su investimenti e riforme strutturali", visto che "non ci servono solo soldi aggiuntivi, ma anche riforme per creare un ambiente più favorevole per le imprese, per rafforzare la capacità amministrativa affinché i fondi extra abbiano massimo effetto". Lo ha detto il vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis, al termine dell'Ecofin. "Non è un accordo dei 27 Paesi dell'Unione europea, è un accordo franco-tedesco". Per trovare un punto di caduta, più che un compromesso è necessario un cambio di prospettiva: o gli Stati membri decidono di mettere in comune le proprie forze per investire in una ripresa verde del continente, cedendo ognuno un pezzetto della propria sovranità nazionale per acquisirne una più ampia europea, oppure il sogno europeo continuerà a deteriorarsi sempre di più. Nella dichiarazione finale Angela Merkel insiste molto sul fatto che il debito graverà sul bilancio della Commissione sorvolando sul fatto che ad alimentarlo sono i contribuenti di tutta Europa. Ma quella di oggi è una "risposta immediata", mentre "le risposte più lunghe vanno discusse", annunciando che "ci potranno essere cambiamenti dei trattati Ue". Gli europei si stanno muovendo nella giusta direzione. L'obiettivo del fondo, tanto desiderato e sostenuto dal Governo Conte, è quello di garantire ai Paesi più colpiti dalla pandemica del coronavirus di risollevarsi dalla crisi, tra cui spicca l'Italia.

Da fonti di Palazzo Chigi trapela soddisfazione: "Quanto appena dichiarato da Macron e da Merkel rappresenta un buon passo in avanti che va nella direzione sin dall'inizio auspicata dall'Italia per una risposta comune ambiziosa alla pandemia". "Accolgo con favore la proposta costruttiva di francia e germania".

"Una dimensione di 500 miliardi di euro di soli trasferimenti è senz'altro un buon punto di partenza - rendono noto le fonti - ed è comunque una dotazione di sussidi che si avvicina a quanto richiesto di recente dall'Italia e da altri partner. Da questa somma si può partire per rendere ancora più consistente il Recovery Fund, nel quadro del budget europeo".

I 500 miliardi di euro del fondo di rilancio annunciati da Francia e Germania "saranno rimborsati, non lo saranno dai destinatari ma dagli Stati membri", hanno spiegato in coro Macron e Merkel. Ma non c'è accordo fra i 27 se prima non c'è un accordo franco-tedesco - ha aggiunto Macron -.

Altre Notizie