Lunedi, 25 Mag, 2020

Coronavirus, tamponi negativi ma c’è polmonite: il caso

Coronavirus, mistero sui casi “COVID-like”: la TAC rileva la polmonite interstiziali ma il tam ... Coronavirus, i misteriosi casi di Covid-like con polmonite e tampone negativo
Machelli Zaccheo | 19 Mag, 2020, 15:57

A lanciare l'allarme su questo fenomeno in crescita è Mario Balzanelli, presidente della SIS118 (Società Italiana Sistema 118).

Aumentano i casi di pazienti con sintomi lievi e negativi al tampone, ma che dopo la TAC rivelano polmoniti analoghe a quella causate dalla COVID-19. "Allarme che ha portato gli specialisti a cercare il virus più in profondità, trovandolo talvolta nel liquido del lavaggio broncoalveolare". Un caso esploso in modo significativo solo nel corso del fine settimana e che, a differenza della fake news riguardante l'impossibilità di effettuare l'autopsia a coloro che sono morti con Coronavirus, rappresenta un caso da approfondire.

Proprio nei giorni in cui l'Italia si concede un respiro più leggero, con il passaggio alla fase 3, la riapertura quasi completa delle attività pubbliche e della libertà di circolazione, dalle sale mediche in cui si cura e si previene il Covid-19 arrivano dei segnali che adombrano conseguenze finora non previste. "A Taranto si è registrata una percentuale bassissima di pazienti covid-19 positivi, la quale si pone in assoluto, in rapporto percentuale con la popolazione, tra le più basse d'Italia. - spiega - Va, quindi, contestualizzato che non vi sono "casi misteriosi" a Taranto quanto "casi da studiare" e da classificare in tutto il Paese".

Tampone negativo nonostante la tac abbia accertato la presenza di polmoniti interstiziali. Ad ogni modo ogni sintomatologia che in qualche modo può ricordare Covid deve essere sorvegliata e indagata: abbiamo visto infatti che la strumentazione diagnostica può evidenziare anche seri problemi in pazienti che all'apparenza non hanno sintomi, o li hanno solo sfumati. Si tratta, ha affermato l'esperto di "un popolo" che pur non essendo presente nei bollettini diramati quotidianamente dalla Protezione Civile è in tutto e per tutto identico ai casi Covid.

Il paziente è stato prelevato a casa da una ambulanza del Set 118-Taranto specificamente dedicata alla gestione dei pazienti Covid-19 sospetti o conclamati e viene condotto alla postazione fissa Set 118 CoviD dell'ospedale San Giuseppe Moscati, Covid Hub per la provincia di Taranto, dove si avvia il percorso diagnostico.

Il presidente della Sis 118 cita l'ultimo caso, recentissimo, di un uomo di 80 anni che chiama la Centrale operativa 118 di Taranto lamentando stipsi e febbricola (37.5°C), appena comparsa. Nega la presenza di patologie respiratorie croniche polmonari.

E' risultata buon la saturazione arteriosa di ossigeno (93% in aria ambiente, valori normale 'minimo' di 80 mmHg) e il tampone naso-faringeo è risultato negativo. Viene subito richiesta, dal medico in servizio, la Tc del torace.

Altre Notizie