Giovedi, 24 Settembre, 2020

Sandro Petrone è morto, addio allo storico volto del Tg2

Sandro Petrone è morto, addio allo storico volto del Tg2 Sandro Petrone è morto, addio allo storico volto del Tg2
Deangelis Cassiopea | 15 Mag, 2020, 17:51

Il giornalista e inviato di guerra della Rai, volto storico del Tg2, è morto nella notte. A quanto si apprende il noto giornalista si è spento a causa di una grave malattia che tre anni fa lo aveva costretto ad andare in pensione.

Risale proprio al 2018 la pubblicazione di "Solo fumo", una sorta di concept album, un disco che gira attorno ad un'unica storia, quella di un inviato speciale che, dopo quarant'anni in giro per il mondo, lascia il giornalismo per tornare cantautore, come in gioventù, nella Napoli della Vesuwave. Da inviato, si era occupato delle elezioni presidenziali Usa, ma anche ad esempio degli attacchi alle Torri Gemelle, degli attentati compiuti a Madrid e a Oslo e della Guerra del Golfo. A dare la notizia della scomparsa del giornalista è stato il segretario Usigrai Vittorio di Trapani con un post su Facebook. La morte di Sandro Petrone ha colpito nel profondo molti suoi colleghi, i quali si sono già riversati sui social per fare le più sincere condoglianze alla famiglia. Un professionista che amava la tv, amava la Rai, credeva nel Servizio Pubblico. Aveva iniziato la sua attività professionale con esperienze nelle primissime radio private ed è stato anche un docente della Scuola di Giornalismo di Perugia. Ha portato sempre con sé l'orgoglio delle sue origini napoletane, e l'amore per la musica coltivato sin dagli anni '70 insieme ai migliori interpreti e rappresentanti della musica partenopea. Le informazioni servono alle persone per vivere, per avere una rappresentazione corretta del mondo in cui devono muoversi. È come un omicidio.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Altre Notizie