Sabato, 11 Luglio, 2020

Vitamina D: alleato contro il Coronavirus

Vitamina D: alleato contro il Coronavirus Vitamina D: alleato contro il Coronavirus
Machelli Zaccheo | 14 Mag, 2020, 20:09

Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Aging Clinical and Experimental Research, ha evidenziato come scarsi livelli di Vitamina D siano associati a un aumento del numero di casi e decessi da COVID-19, analizzando dati provenienti da ben 20 Paesi europei.

La notizia già circolava da settimane, inizialmente si credeva fosse una fake news in quanto fino ad ora non aveva avuto alcun riscontro scientifico. Dai loro studi è emerso che i cittadini di entrambi gli stati hanno mediamente livelli di vitamina D più bassi rispetto a quelli degli altri paesi. Oltre alla diminuzione dei morti, però, la vitamina D potrebbe anche diminuire i casi, prevenendo dunque direttamente il rischio di contrarre l'infezione. Isaia e Medico, tuttavia, vennero criticati poiché la scoperta non era stata convalidata scientificamente.

Inoltre quest'ultima avrebbe anche un ruolo legato all'Ace2, l'enzima di conversione dell'agiotensina2, ciò attraverso cui il coronavirus entra nelle cellule. Ace2 è presente anche nel sangue dove agisce con anticorpo neutralizzante, favorito proprio dalla vitamina D.

Chiaramente non si tratta di assumere la vitamina D come fosse una panacea.

Dove si trova la vitamina D?

Di solito la vitamina D viene considerata indispensabile per assorbire al meglio calcio e fosfato, per proteggere dall'osteoporosi ed anche il sistema immunitario (modula la risposta dei globuli bianchi e protegge il sistema respiratorio da infezioni acute).

Altre Notizie