Sabato, 11 Luglio, 2020

Coronavirus, Tedros: urgente investire in sistemi sanitari forti

Tedros Adhanom Ghebreyesus Tedros Adhanom Ghebreyesus
Machelli Zaccheo | 13 Mag, 2020, 21:22

Roma, 11 mag. (askanews) - Sono oltre 63.000 i casi di Covid-19 registrati finora nel continente africano e 2.283 i decessi, stando all'ultimo aggiornamento diffuso oggi dall'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms).

Al solito, l'Oms invita alla prudenza e a non cantare vittoria troppo presto. Nella Repubblica di Corea, bar e club sono stati chiusi perché un caso di Covid-19 confermato ha portato a rintracciare molti contatti.

Come di consueto, i numeri della pandemia.

"I Paesi - ha proseguito - hanno messo in atto queste misure rigorose, a volte chiamate lockdown, in risposta a un'intensa trasmissione del virus".

"L'Oms non abbasserà il livello di allarme fino a quando non disporremo di un significativo controllo del virus, di solidi sistemi di sorveglianza e di sistemi sanitari più forti", ha aggiunto Ryan.

Agenpress - "La buona notizia è che c'è stato un grande successo nel rallentare il virus e nel salvare vite umane". Lo ha detto il direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus, sottolineando tuttavia che le misure di lockdown "hanno avuto un costo e riconosciamo il grave impatto socioeconomico dei blocchi". Tre sono le domande chiave che gli Stati dovrebbero porsi prima della revoca del lockdown: l'epidemia è sotto controllo? Alcuni Paesi stanno già adottando misure importanti, ad esempio garantendo che le persone possano raccogliere kit per la cura di massa e altri prodotti essenziali, compresi i kit di auto-test, dai punti di consegna, alleviando la pressione sui servizi sanitari e sulla forza lavoro sanitaria. "Queste tre domande possono aiutare a determinare se un lockdown può essere lentamente allentato o meno".

La scorsa settimana ho anche parlato con l'International Labour Organization (Ilo) e l'International Organization of Employers (Ioe) sulla riapertura dei luoghi di lavoro e su come farlo in sicurezza. Se non si riesce ad assolvere a questa esigenza primaria, meglio rinviare le riaperture degli istituti.

I primi studi sierologici riflettono che una percentuale relativamente bassa della popolazione ha anticorpi contro il Covid-19, il che significa che la maggior parte della gente è ancora suscettibile al virus.

Quanto agli ambienti di lavoro, l'Organizzazione se n'è occupata specificamente. Ciò include l'implementazione di misure per prevenire la diffusione del virus.

Altre Notizie